Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nessun decesso nelle ultime 48 ore e 3 nuovi positivi in Alto Adige

Il tasso dei contagi sui tamponi effettuati in Alto Adige continua a essere inferiore all'1%. Sono 3 infatti i nuovi positivi su 448 analizzati dai laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina, mentre stabile a 290 rimane il numero delle vittime, uguale dal 9 maggio. Il bilancio complessivo registra dunque 2572 contagi da inizio epidemia

Pubblicato il - 11 maggio 2020 - 11:47

BOLZANO. Tre nuovi positivi e ancora zero vittime. È questo il bollettino aggiornato a lunedì 11 maggio 2020 comunicato dall'Azienda sanitaria altoatesina sulla situazione Coronavirus in provincia di Bolzano. Il bilancio sale così a 2572 contagiati, mentre stabile a 290 rimane quello dei decessi, senza che sia stata registrata alcuna vittima negli ultimi due giorni.

 

Diminuisce il numero di tamponi effettuati. Se ieri infatti ne erano risultati positivi 2 su 713, nelle ultime 24 ore i laboratori dell'Azienda sanitaria di Bolzano ne hanno analizzati 448, di cui 3 appunto sono risultati positivi. Il tasso dei contagi sui tamponi somministrati sale così dallo 0,28% di ieri, domenica 10 maggio, allo 0,67% di oggi. Numeri decisamente più positivi di quelli provenienti da Trento, dove anche ieri il numero di contagiati ha superato i 30 (34 in particolare), su 1978 tamponi (record assoluto in provincia di Trento, fino ad ora), per un tasso di contagi/tamponi dell'1,72%.

 

Se dunque in Trentino il tasso sembra aver preso una stabilità sotto al 2% (all'1,72% di ieri erano preceduti l'1,95% di sabato 9 maggio, pari a 38 tamponi positivi su 1951, e l'1,87% di venerdì 8 maggio, pari a 30 positivi su 1602), la forbice tra le due province che compongono la regione Trentino-Alto Adige/Südtirol continua a essere rilevante, ancora di più se si guarda il bilancio complessivo: in provincia di Trento i contagiati sono, in attesa dell'aggiornamento di oggi, 5111, 444 i decessi positivi a Covid-19.

 

Complessivamente da inizio epidemia i laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina hanno analizzato 50019 tamponi su 22500 persone. I pazienti positivi a Covid-19 attualmente ricoverati nei normali reparti dei 7 ospedali dell'Azienda sanitaria, nelle cliniche private e nella base logistica dell'esercito attrezzata appositamente a Colle Isarco sono 85, mentre altre 44 persone sono assistite dall'Azienda sanitaria come casi sospetti. Sono 5 le persone ricoverate invece nei reparti di terapia intensiva degli ospedali altoatesini, 2 i pazienti ricoverati in reparti analoghi in cliniche austriache.

 

Il numero di decessi, come detto, rimane stabile da 48 ore a 290 unità. 173 di questi sono morti negli ospedali, 117 nelle case di riposo. I guariti, al contrario, salgono a 1835; tra questi 202 sanitari, mentre 33 sono quelli ancora positivi al Coronavirus.

 

Le persone attualmente in quarantena obbligatoria o in isolamento domiciliare sono 971, mentre 9269 sono i cittadini che hanno concluso misure del genere. Dall'inizio dell'epidemia, in conclusione, sono 10240 i cittadini a cui hanno imposto provvedimenti di isolamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 05:01

Il presidente dell'Ordine dei medici, Marco Ioppi: "Sulla scuola si deve agire in modo sartoriale caso per caso. Annullare i Mercatini è stata una scelta di buonsenso e prevenzione. La stagione invernale va attentamente pianificata e gestita"

21 ottobre - 19:49

Purtroppo si registra anche un nuovo positivo a Cembra Lisignago dove si era sviluppato il più grosso focolaio legato alla popolazione residente che ha un rapporto dell'0,85% di positivi per residenti. Dato più alto nel comune vicino, ad Altavalle (1% di popolazione positiva). Altri tre comuni sopra lo 0,75%

21 ottobre - 20:14

La notizia è stata battuta da Reuters e ripresa in tutto il mondo. Il fatto sarebbe avvenuto in Brasile e la conferma arriva dall'Università di San Paolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato