Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, non indossano correttamente la mascherina. Multe fino a 400 euro per alcuni giovani

A finire nei guai sono stati tre giovani a Predazzo  fuori da un locale e altri in attesa dell'autobus. Alcuni, con sfrontatezza, nemmeno dopo l'invito delle forze dell'ordine hanno indossato il dispositivo 

Pubblicato il - 07 novembre 2020 - 13:06

CAVALESE. Non solo non rispettano le regole ma anche con totale insensibilità verso i rischi per la salute con sfrontatezza non indossano i dispositivi di protezione dopo l'invito a farlo da parte delle forze dell'ordine.

 

A finire nei guai sono stati tre giovani a Predazzo che sono stati multati per il mancato utilizzo della mascherina. In questi giorni continuano senza sosta i controlli da parte delle Forze dell'ordine sul rispetto delle regole per il contenimento del coronavirus.

 

Vengono controllati i luoghi maggiormente esposti ad affollamento, al fine di garantire l’osservanza delle disposizioni. Stessa sanzione anche ad un giovane cembrano ad Alta Valle e a una ragazza cavalesana mentre era in attesa della corriera.

 

Alcuni dei trasgressori, spiegano gli stessi Carabinieri, hanno mostrato una totale insensibilità verso i rischi per la salute derivanti dalle loro condotte, come nel caso della giovane cavalesana, che con sfrontatezza non aderiva all’invito di indossare correttamente la mascherina, pur trovandosi in una condizione tale da non garantire il necessario distanziamento dalle altre persone.

 

Ai contravventori è stata data una sanzione amministrativa, il cui importo minimo ammonta a 400 euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato