Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nuova ordinanza di Fugatti: via libera a sport individuali, ci si può fermare nelle seconde case e andare in qualsiasi supermercato

La Fase2 scioglie molti dei limiti imposti a livello di libertà individuali e allora ok al cambio gomme, alle visite nei cimiteri, all'andare negli orti non più da soli. E sulle riaperture anticipate? Avanti con la legge provinciale in attesa del Governo

Di Luca Pianesi - 08 maggio 2020 - 18:23

TRENTO. Via libera a molte attività individuali e Fase-2 che ormai somiglia sempre più a una normalizzazione: si può tornare a fare sport individuali all'aperto ovunque, raggiungendo anche i luoghi di attività con mezzi pubblici e privati; si può tornare nelle seconde case e restarvici anche con il congiunto; si può viaggiare senza problemi con il convivente sul proprio mezzo; si può andare a fare la spesa in qualsiasi supermercato del territorio senza limitazioni e stessa cosa per andare a recuperare cibo da asporto.

 

E per i negozi? Resta il doppio canale: tra domani e domenica arriverà in consiglio provinciale la nuova legge per permettere eventuali aperture anticipate ma al tempo stesso si aspetta il Governo che ha già annunciato di voler anticipare certe aperture (nello specifico quelle di parrucchiere, bar, ristoranti, estetiste al 18 maggio, quindi assieme ai negozi). ''Non intendiamo andare allo scontro con il Governo - ha detto Fugatti -. Però ci dotiamo di questa legge che, qualora fosse necessario, potremmo utilizzare''.

 

Ecco per punti cosa spiega l'ordinanza che sarà in vigore da domani e che estende ognuna di queste libertà a livello provinciale anche a livello regionale:

 

- via libera allo svolgimento di attività sportiva o motoria in tutto il territorio della provincie e regione (sport individuali all'aria aperta come atletica, escursionismo, golf: si possono fare anche nei relativi impianti di riferimento mantenendo le garanzie di sicurezza) 

- per raggiungere i luoghi dove si praticano tali attività sportive si possono usare mezzi pubblici o privati

- consentito per i residenti lo spostamento nel territorio provinciale per raggiungere le seconde case di proprietà, camper, roulotte o barche anche insieme ai conviventi e vi ci può anche restare

- spostamento è consentito per il cambio di gomme invernali con estive (per garantire la sicurezza stradale)

- visita ai defunti nei cimiteri motivazione per spostamento ammessa

- permesso a tutti i componenti conviventi di viaggiare su uno stesso mezzo

- ok spostamenti per approvvigionarsi in negozi-supermercati siti in tutto il territorio provinciale o regionale

- ok spostamenti senza limitazione per approvvigionarsi a prodotti di ristorazione da asporto

- ok spostamenti per tagliare e raccogliere legna da ardere (unico limite una volta al giorno senza limitazione per quanto riguarda l'area e il numero di persone)

- ok spostamenti orti e superfici agricole anche con altre persone (quindi si può andare con la moglie o il marito)

 

''Stiamo cercando - ha aggiunto Fugatti - di siglare un accordo con la regione Veneto per la possibilità di andare a trovare i propri congiunti che vivono nei comuni di confine ma serve un accordo con il commissariato del governo e la Regione Veneto''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

24 novembre - 17:31
Sono stati analizzati 2.235 tamponi, 143 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 6,4%. Il bilancio è di 194 morti in questa seconda ondata
24 novembre - 17:42

Dall’inizio del mese di novembre sono più di 12 mila le persone morte a causa di Covid-19. Sono 23.232 i nuovi positivi che sono stati registrati, i dati sono stati comunicati dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato