Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, organizzano una cena tra amici e i vicini chiamato le forze dell'ordine

A finire nei guai anche tre ragazze fermate per un controllo verso le 21. Hanno usato come scusa l'essere andate a fare la spesa ma nello scontrino era riportato l'orario delle 15.30

Pubblicato il - 23 marzo 2020 - 14:07

ROVERETO. Pur essendo diminuiti i casi di inosservanza dei provvedimenti posti in atto per contenere il coronavirus, non sono mancate anche in questo fine settimane le persone individuate e denunciate dalla polizia di stato.

 

In totale le persone finite nei guai sono diciassette. Tra queste, tra i casi più significativi, ci sono stati tre uomini che hanno deciso di trascorrere una serata assieme trovandosi tutti a casa di uno di  loro per una cena.

 

I vicini, visto quello che stava accadendo, hanno chiamato le forze dell'ordine. I tre sono stati denunciati.

 

A finire nei guai sono state anche tre ragazze che ieri sera, verso le 21, sono state fermate da una volante di polizia. Nel corso del controllo si sono giustificate che erano andate a fare la spesa. Nello scontrino che hanno però mostrato, l'orario di acquisto dei beni era avvenuto alle 15.30.

 

A Riva del Garda è stato, infine, denunciato un altro uomo, che proveniente da fuori provincia, stava cercando la presunta moglie dipendente di un supermercato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato