Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, si spostano da un comune all'altro e agli agenti spiegano: "cerchiamo prodotti vegetariani". In auto, però, avevano carne e uova

A Rovereto denunciati 4 ragazzi, tra i 17 e 15 anni, che in bici, senza motivo, stavano percorrendo la ciclabile Lungo Leno. Sempre a Rovereto la Volante ha denunciato altri due uomini mentre andavano all’Ufficio Postale. È stata, infine, denunciata una donna che, in bici, percorreva la ciclabile per una passeggiata

Pubblicato il - 20 marzo 2020 - 14:15

RIVA DEL GARDA. Si stavano spostando da un comune all'altro e fermati dagli agenti di polizia di Riva del Garda per un controllo, hanno utilizzato come scusa la necessità di comprare dei prodotti vegetariani. Giustificazione però non veritiera, considerato che all’interno del veicolo sono state trovate confezioni di uova e pollo.

 

Questo uno dei casi denunciato dalla polizia nel corso dei controlli fatti sul territorio per far rispettare le misure emanate dal Governo per contrastare la diffusione del coronavirus.

 

Controlli che oggi subiranno una maggiore intensificazione. Il Questore Cracovia, al fine di monitorare e contrastare il movimento di persone che dalle più varie località, si spostano nelle “seconde abitazioni”, ha disposto, infatti, in ambito provinciale, da parte di tutte le Forze di polizia, un controllo più stringente in prossimità dei caselli autostradali e sulle principali vie di collegamento con il Trentino.

 

Negli ultimi due giorni, intanto, sono state 18 le persone denunciate e oltre mille quelle controllate assieme a circa 60 attività commerciali.

 

Tra gli interterventi più significativi, ieri la volante a Trento ha denunciato due giovani trentini che nel pomeriggio, in Lung’Adige Leopardi, stavano, serenamente, bevendo delle birre, seduti uno accanto all’altro. Denunciati anche due stranieri che in San Severino erano seduti a dialogare su una panchina.

 

Stanotte verso le 3 la volante ha denunciato, inoltre, 2 stranieri ed un italiano che a bordo di una autovettura stavano percorrendo via Maccani. Gli uomini si sono giustificati asserendo che stavano andando a fare il pieno di carburante.

 

A Rovereto ha denunciato 4 ragazzi, tra i 17 e 15 anni, che in bici, senza motivo, stavano percorrendo la ciclabile Lungo Leno. Sempre a Rovereto la Volante ha denunciato altri due uomini mentre andavano all’Ufficio Postale. È stata, infine, denunciata una donna che, in bici, percorreva la ciclabile per una passeggiata.

 

Alcuni cittadini non hanno ancora compreso, commenta il vice Questore Salvatore Ascione, che comportamenti irresponsabili espongono a rischi giornalieri la loro salute, quella dei loro familiari e di tutte le altre persone con cui si trovano a venire a contatto. Inventare per di più scuse appare solo un atto di egoismo e scarso senso civico le cui conseguenze possono avere un prezzo incalcolabile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato