Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, per i lavoratori agricoli da Bulgaria e Romania nuova ordinanza di Kompatscher: ''Test d'ingresso e quarantena''

I lavoratori agricoli stagionali devono essere sottoposti al test all'ingresso e, se il risultato è negativo, devono poi mantenere un periodo di isolamento di due settimane in azienda. Questo "isolamento attivo" può avvenire in piccoli gruppi di massimo quattro persone che vivono e lavorano insieme in un'unica unità abitativa

Pubblicato il - 01 agosto 2020 - 16:26

BOLZANO. Il presidente Arno Kompatscher ha firmato una nuova ordinanza che riguarda i lavoratori agricoli che arrivano in Alto Adige e che provengono da Paesi a rischio.

 

Una ordinanza (QUI IL TESTO) molto attesa considerando che in Alto Adige sta per iniziare la raccolta delle mele. Negli ultimi anni i frutticoltori si sono avvalsi del sostegno di circa 8 mila addetti alla raccolta provenienti dalla Romania e dalla Bulgaria.

 

Poiché in entrambi i Paesi sono in aumento le infezioni da coronavirus il Ministero della Salute ha emanato pochi giorni fa le norme di sicurezza e i requisiti di quarantena per l'ingresso in Italia da entrambi i Paesi. Per consentire ai lavoratori agricoli stagionali di entrare in Alto Adige nel modo più sicuro possibile dal punto di vista sanitario ed epidemiologico, garantendo al tempo stesso la possibilità di lavorare in sicurezza, il presidente Arno Kompatscher ha firmato un'ordinanza contingibile e urgente.

 

La nuova ordinanza stabilisce che tutti i lavoratori agricoli stagionali che entrano in Alto Adige dalla Romania e dalla Bulgaria devono essere sottoposti al test molecolare del nuovo coronavirus da parte dell'Azienda Sanitaria. Per loro vale la stessa procedura degli altri gruppi a rischio, secondo il protocollo utilizzato dall'Azienda Sanitaria.

 

I lavoratori agricoli stagionali devono essere sottoposti al test all'ingresso e, se il risultato è negativo, devono poi mantenere un periodo di isolamento di due settimane in azienda. Questo "isolamento attivo" può avvenire in piccoli gruppi di massimo quattro persone che vivono e lavorano insieme in un'unica unità abitativa. Con un'autodichiarazione che viene fornita all'azienda sanitaria, gli addetti al raccolto devono comprovare il loro stato di salute.

 

Se il test è negativo, l'isolamento cessa dopo 14 giorni. Quei lavoratori che hanno un risultato negativo del test di una struttura sanitaria certificata nel loro Paese non più vecchio di 4 giorni possono procedere direttamente all'isolamento senza un ulteriore test in ingresso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 agosto - 12:48

Si dice che sia stata la prima a presentarsi per ritirare i materiali elettorali, Alice Barbu si candida per rappresentare la sua comunità e tutti i lavoratori stranieri che vivono a Trento: “In città ci sono ancora molti ostacoli da superare”. Di Ianeselli dice: “È uno che si dà veramente da fare”, mentre sulle chiusure domenicali: “Non mi pare una buona idea impedire a noi imprenditori di lavorare”

05 agosto - 13:05
Il conducente ha notato un po' di fumo fuoriuscire dalla parte anteriore del veicolo, quindi si è fermato nel piazzale del supermercato della Famiglia cooperativa. Tempestivo l'intervento dei vigili del fuoco di Vermiglio
05 agosto - 12:08

I lavoratori, risultati positivi al tampone, sono stati subito messi in isolamento, mentre l'azienda è stata completamente sanificata. Sono 3 le persone che presentano sintomi, seppur lievi, mentre gli altri sono asintomatici

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato