Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, positivo il gestore di un rifugio nel Bellunese dopo i casi in un hotel di Cortina

La situazione nella struttura della Regina delle Dolomiti pare sotto controllo e non ci sono positivi tra i clienti

Pubblicato il - 13 settembre 2020 - 18:44

BELLUNO.  Anche in provincia di Belluno l'epidemia da coronavirus non mostra segni di cedimento e dopo il caso scoppiato a Cortina con una decina di positivi all'Hotel Alaska, nel cuore della Regina delle Dolomiti, ora emerge il caso del gestore di un rifugio che si è presentato in ospedale con i sintomi del Covid ed è risultato positivo.

 

Subito è scattato l'isolamento per il gestore che, fortunatamente, dalle informazioni che trapelano e che sono state riportate anche dal Gazzettino, aveva già chiuso da qualche giorno la struttura e quindi la ''ricerca'' dei contatti risulta essere più semplice. In queste ore sono stati fatti i tamponi ai suoi familiari e collaboratori più stretti e si sta procedendo a risalire alle persone che sono entrate in contatto con lui negli scorsi giorni.

 

Non viene comunicata la struttura che gestiva l'uomo ma c'è la rassicurazione rispetto all'attivazione dell'Ulss 1 Dolomiti per rintracciare eventuali turisti di altre province o regioni che potrebbero essere entrate in contatto con lui per procedere, poi ai test e ai tamponi e circoscrivere il prima possibile ogni possibile forma di estensione del virus. 

 

Per quanto riguarda il focolaio di Cortina sono una decina i dipendenti positivi. Tutto è cominciato quando un lavoratore della cucina ha presentato i sintomi del virus e ha quindi deciso di sottoporsi al tampone. Il responso dell'esame si è poi rivelato positivo e da quel momento la Ulss 1 Dolomiti ha iniziato l'analisi di tutti i contatti stretti dell'uomo, sia in ambito professionale che extraprofessionale.

 

Questi sono infatti stati messi in quarantena e sottoposti al tampone. I test sono, quindi, stati estesi ai clienti risultati negativi a dimostrazione che le regole sul distanziamento e sull'utilizzo della mascherina e dell'igiene funzionano quando rispettate e messe in campo sempre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato