Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, salgono i contagi nelle case di riposo nel bellunese. Tamponi per quattro classi di istituti superiori

Preoccupa la situazione nel bellunese. Sono 23 i nuovi casi comunicati dall'azienda sanitaria e tra questi ad aumentare sono anche quelli che coinvolgono ospiti di Rsa

Pubblicato il - 06 October 2020 - 09:08

BELLUNO. I contagi da coronavirus non si fermano, purtroppo, nelle case di riposo del bellunese. Dopo i primi casi rilevati alcuni giorni fa ieri la Ulss Dolomiti ha comunicato che nelle ultime 24 ore di attività di laboratorio hanno messo in evidenza 23 nuove positività, di cui 4 riferite, ancora una volta, a ospiti di case di riposo.

 

L'attenzione è molto alta e si stanno mettendo in campo tutte le azioni possibili per riuscire a contenere l'espandersi del virus. Nessuna delle nuove positività si riferisce ai tre comuni coinvolti nel focolaio del Comelico, molte di esse sono comunque riferite a comuni del Cadore.

Altri tre ospiti di un centro di servizio sono stati trasferiti in via precauzionale al San Martino e attualmente le persone ricoverate sono 14.
 

Massima attenzione anche nelle scuole. Proprio ieri, infatti, è scattato il protocollo scuola per altre quattro classi di istituti superiori di Belluno e del Cadore. Da oggi verranno effettuati i primi tamponi di controllo. In base all’esito saranno decise le misure di sanità pubblica da adottare secondo le nuove linee guida regionali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 January - 10:39

Dopo ore di attesa, con trattative serrate tra le autorità sanitarie di Roma e di Milano sulla colorazione della Lombardia, sono state grosso modo confermate le classificazioni della scorsa settimana. Trentino ancora giallo, Alto Adige rosso. A cambiare sono solo 2 regioni

23 January - 05:01

Ispra suggerisce un deciso cambio di rotta nella gestione dei plantigradi fin qui messa in campo dal Trentino: “Essenziale e necessaria una migliore e più trasparente rendicontazione da parte della Pat di tutti gli episodi potenzialmente critici”. Per gli esperti la prevenzione è più efficace di dissuasioni e abbattimenti: “Spesso comportamenti potenzialmente pericolosi possono emergere negli orsi come conseguenza di comportamenti umani non adeguati”

23 January - 09:27

Si attendono i rilievi scientifici dei Ris. Oggi diverse squadre dei vigili del fuoco, assieme alle forze dell'ordine, con la strumentazione di ecoscandaglio verificheranno in profondità la presenza di eventuali cadaveri

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato