Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, superati i 900 ricoveri in Veneto. Al via la fase 3. Nelle ultime 24 ore 18 decessi e oltre 2800 contagi

Sono 2814 i nuovi positivi al Coronavirus nelle ultime 24 ore in Veneto. Numeri da capogiro, che fanno ancora più impressione se si calcolano i 18 decessi registrati. Superata la soglia dei 900 ricoveri in area non critica, si dà avvio alla fase 3, con l'apertura degli ospedali Covid. Preoccupa ancora il contagio nel Bellunese

Di Davide Leveghi - 30 ottobre 2020 - 18:16

BELLUNO. “Stasera entriamo nella fase 3, superando i 900 ricoveri”. È perentorio Luca Zaia. L’andamento crescente dei contagi in Veneto ha determinato nelle strutture ospedaliere regionali un livello di pressione tale da porre in vigore il passo numero 3 del piano sanitario. Il terzo su 5. Nonostante ciò, il presidente si è mostrato tranquillo. “Questo trend dice sì che abbiamo una curva simile a quella di marzo, ma nei ricoveri e non nelle terapie intensive. Per queste non c’è la tendenza di marzo”.

 

In totale abbiamo 1000 letti da terapia intensiva pronti – ha poi aggiunto – con i direttori poi abbiamo discusso l’apertura dei Covid hospital, non ci possiamo infatti permettere di spostare i contagiati in altre strutture e portare in giro il virus”.

 

Dopo i numeri drammatici registrati nella giornata di giovedì 29 ottobre, con 2537 casi e 11 decessi, nella giornata di venerdì 30 il dato segna un numero ancora più alto. Sono 2814 i nuovi casi positivi, numero che porta il bilancio delle persone attualmente contagiate a 27839. Una cifra ancora più impressionate interessa invece i decessi: sono 18 quelli registrati nelle ultime 24 ore, ben 7 in più del drammatico bollettino di ieri (il totale in questo caso è di 2399).

 

A determinare l'ingresso nell'annunciata terza fase è invece l'incremento dei ricoveri. Con i 29 registrati nelle ultime 24 ore si sfonda la quota 900, per attestarsi a 905 unità. Pertanto saranno avviati, come detto, gli ospedali Covid. In area critica, invece, la soglia dei 151 pare essere ancora di là a venire. Sono 127, attualmente, i pazienti ricoverati in terapia intensiva

 

Nella sola provincia di Belluno l’andamento del contagio continua a registrare numeri importanti. Sono 115 i casi positivi nelle ultime 24 ore, per un totale di persone attualmente contagiate che raggiunge così le 1775 unità. I pazienti positivi al Covid in ospedale sono 47 in area non critica e 4 in terapia intensiva al San Martino di Belluno, 18 in area non critica al Santa Maria del Prato di Feltre e 13 all’ospedale di comunità, 5 ad Alano e 4 ad Agordo, dove sono stati portati da stamattina i primi ricoverati.

 

Purtroppo, nelle ultime 24 ore si registra un altro decesso. Si tratta di una paziente di 95 anni positiva al Covid e ricoverata in pneumologia a Belluno. I decessi, dunque, riprendono anche nella più settentrionale delle province venete.

 

Sul fronte scuola, il Bellunese registra ad oggi (dal 14 settembre, giorno d’inizio dell’anno scolastico) ben 142 classi interessate da contagi e quindi prese in carico dal team scuole. Queste si dividono fra 3 relative ad asili nido, 8 a strutture per l’infanzia, 32 alle primarie, 21 alle secondarie di primo grado e 78 alle scuole superiori. Attualmente, sono 67 le classi in carico, pari al 47% del totale finora interessato da contagi. 30 di queste sono in isolamento domiciliare fiduciario (7 classi di bambini di asili ed elementari in isolamento secondo il protocollo e 23 classi di alunni di età superiore in isolamento per presenza di uno o più casi).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato