Contenuto sponsorizzato

Da San Martino a Lavarone passando per Trento, rubato il Gesù Bambino. Tantissimi i furti nei presepi all'aperto

L'ultimo episodio la scorsa notte, fuori dalla pizzeria Sass Maor di San Martino di Castrozza. La titolare: "Il nostro presepe non ha, ovviamente, un valore economico. Ma, per noi, era un simbolo. Probabilmente è stata una ragazzata"

Di Arianna Viesi - 01 gennaio 2020 - 18:28

SAN MARTINO DI CASTROZZA. "E' stata una ragazzata, probabilmente", commenta così Marzia Scalet, titolare della pizzeria Sass Maor, il furto del bambino Gesù portato via, la scorsa notte, dal presepio che i proprietari avevano allestito proprio fuori dal locale.

 

"Per le feste avevamo preparato una piccola natività sul prato antistante la pizzeria - spiega Marzia -, un presepe di juta che abbiamo costruito proprio noi. Non ha alcun valore economico, ovviamente. Ma, per noi, era un simbolo: di pace, serenità, gioia. Era il simbolo del Natale".

 



 

Dopo il cenone di Capodanno, Marzia e i suoi due fratelli, che insieme gestiscono la pizzeria, sono usciti dal locale verso le 3.00 ma non hanno notato nulla di particolare. Stamattina, invece, con la luce del sole, la spiacevole scoperta. "Oltre a Gesù bambino hanno portato via anche un globo che avevamo messo sul prato come decorazione. Penso siano stati dei ragazzi, per fare una bravata".

 

Non solo San Martino di Castrozza, purtroppo. Anche ad Azzolini, nel comune di Lavarone, tra il 27 e il 28 dicembre è stato portato via Gesù bambino da due presepi. Dopo il furto, su uno dei presepi, è apparso un bigliettino che recita: "Purtroppo manca il protagonista: Gesù bambino. Qualcuno lo ha preso...Speriamo che Gesù gli apra il cuore e possa vivere nell'amore".

 

 

Non è la prima volta che i presepi vengono presi di mira. Ad inizio dicembre a farne le spese era stata la natività di piazza Santa Maria Maggiore. A sparire, nella notte, erano stati Gesù bambino e anche la culla in legno, quest'ultima trovata poi a poca distanza, accanto alla Casa del Cioccolato (QUI ARTICOLO). Due anni fa la stessa cosa era successa al presepe di piazza Duomo.

 



 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato