Contenuto sponsorizzato

Emergenza coronavirus, il Trentino pronto ad aiutare il Piemonte. La Protezione civile in partenza per allestire un ospedale da campo

La Protezione civile trentina è pronta ad andare a Torino ad allestire il suo ospedale da campo che sarà utilizzato nell’ambito del contrasto alla pandemia da Covid - 19. L’intervento potrebbe essere realizzato verso la metà del mese di novembre

Di Laura Gaggioli - 07 November 2020 - 08:57

TRENTO. A Torino hanno bisogno di circa 450 posti letto per alleggerire il carico sulle strutture di pronto soccorso e ospitare i malati di covid meno gravi in attesa del loro rientro a casa o, nei casi peggiori, della loro ospedalizzazione. Per questo si pensa al trasferimento dell’ospedale da campo realizzato lo scorso marzo nel roveretano, nel quartiere Marco, attualmente inutilizzato.

 

A darne l’annuncio il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, dopo l’accordo con la Protezione civile trentina. La richiesta di intervento è stata avanzata nell'ambito della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, a seguito della quale si è subito istituito un tavolo di lavoro.

"Siamo in contatto ma ci sono ancora diversi aspetti pratici da risolvere, non è banale mettere in piedi un ospedale covid - spiega il dirigente Raffaele De Col - fortunatamente la situazione trentina è attualmente sotto controllo e il ricorso all’ospedale da campo non rientra nella strategia sanitaria dell’Apss trentina. Non è però previsto che dal Trentino partano anche le strumentazioni mediche”.

 

Il luogo così definito dovrebbe essere il parco del Valentino, in centro a Torino, per garantire la vicinanza agli operatori sanitari, dove la Protezione civile allestirà 11 tende, di cui 5 delle dimensioni di 12x8 metri e 6 di 7x5 metri, complete di letti e riscaldamento, per un totale di 96 posti. Il campo si affiancherà a un secondo già predisposto nel parco, per un totale di 450 posti letto.

 

All’operazione complessiva sono chiamate a collaborare anche altre organizzazioni di Protezione civile, il volontariato, l’Esercito e realtà di altre regioni.

 

Nei giorni scorsi alcuni funzionari sono partiti da Trento alla volta di Torino per fare un sopralluogo preliminare. Ora si sta aspettando la conferma della richiesta e l’allestimento complessivo dell’area in cui dovrebbero essere montate le tende. L’intervento potrebbe essere realizzato verso la metà del mese di novembre.

 

In tanto dopo Torino, anche Genova, Arezzo e Asti si stanno organizzando per allestire un ospedale da campo per fronteggiare la pandemia che sta portando al collasso il sistema sanitario nazionale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 January - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 January - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato