Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, catena di comando della Protezione civile positiva? De Col: ''Solo qualche caso''. Ma i mezzi per Torino li guidano i vigili del fuoco

La colonna mobile è in Piemonte per installare le tende per l'ospedale da campo: sono tante le unità dei pompieri e della Croce rossa operative in queste ore, ma il dirigente generale del Dipartimento chiarisce che non ci sarebbero criticità legate all'epidemia coronavirus tra i vertici del sistema di Pc

Di Luca Andreazza - 14 November 2020 - 13:17

TRENTO. Tutta, o quasi, la catena di comando della Protezione civile positiva? Indicazioni di effettuare tamponi d'urgenza per verificare lo stato dell'arte? E gli operai si sono rifiutati di andare a Torino e sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per superare l'impasse? La colonna mobile è in Piemonte per installare le tende per l'ospedale da campo: effettivamente sono tante le unità dei pompieri e della Croce rossa operative in queste ore, ma il dirigente generale del Dipartimento chiarisce che non ci sarebbero criticità legate all'epidemia coronavirus tra i vertici del sistema di Pc.

"Non è così - commenta Raffaele De Col, dirigente generale del Dipartimento Protezione civile e foreste e fauna - abbiamo eseguito un tampone preventivo a tutti prima della partenza per evitare di inviare personale eventualmente contagiato. Qualche caso è emerso, un geometra, qualche unità della protezione civile e personale inserito in altre categorie, ma ci siamo mossi nella massima precauzione in quanto c'è evidentemente una diffusione di Covid-19 sul territorio da fare scattare controlli più serrati per la tutela generale".

Il sistema di Protezione civile del Trentino prosegue nel solco di ormai lunga tradizione e la colonna si è diretta verso il Piemonte per allestire un ospedale da campo per i malati di Covid nel parco San Valentino a Torino. Il viaggio si è svolto tra venerdì 13 e sabato 14 novembre. Una quindicina di mezzi coinvolti nell'operazione e una cinquantina di operatori in azione per questa missione (Qui articolo).

"Gli operatori - conclude De Col - saranno sottoposti nuovamente a tampone una volta rientrati dal Piemonte. Non sono a conoscenza di eventuali rifiuti da parte del personale, che mi sentirei di escludere. Le unità coinvolte sono state diverse, i permanenti sono stati incaricati di guidare i mezzi, quindi c'è personale del Servizio di prevenzione rischi e Cue, della Croce rossa italiana e dalla Federazione dei corpi vigili del fuoco volontari della Provincia di Trento. Ci siamo mossi preventivamente per i controlli e altre verifiche sono programmate una volta ritornati da Torino, sono le procedure che possiamo mettere in campo in questo momento".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
30 novembre - 18:19
La proposta approvata dal Consiglio provinciale non punta a eliminare l’obbligo per i proprietari di cani di condurre al guinzaglio il proprio [...]
Cronaca
30 novembre - 15:07
La sanità pubblica trentina è allo stremo. A dirlo oggi, in conferenza stampa, tutte le sigle sindacali della dirigenza medica, sanitaria e [...]
Società
30 novembre - 16:21
In occasione del Festival della famiglia sono stati presentasti presentati i risultati di "Riemergere II", indagine che ha esplorato le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato