Contenuto sponsorizzato

Coronavirus arriva l'esercito per aiutare a fare i tamponi. A Trento una postazione con il personale delle forze armate

Ha preso il via anche sul nostro territorio l'Operazione Igea che vede impegnato il personale delle forze armate. Sono tre le postazioni, al momento, con il personale delle truppe alpine: oltre a Trento anche Rovereto e Bolzano. L'obiettivo è quello di sostenere il sistema sanitario nella fase di prevenzione e ricerca del virus

Di GF - 08 November 2020 - 10:13

TRENTO. Anche il personale delle forze armate scende in campo per dare il proprio aiuto e incrementare la capacità giornaliera di effettuare i tamponi e soprattutto velocizzare le attività.

 

Da ieri, infatti, anche in Trentino ha preso il via quella che è stata definita “Operazione Igea” messa in campo del Ministero della Difesa e che vede in tutto il Paese operative circa 1400 unità, distribuite in 200 team, in grado di eseguire fino a 30.000 tamponi al giorno.

 

Il contributo arriva da un intervento che vedrà l'impegno di team interforze, composti da personale di tutte le Forze Armate. I team, è stato spiegato in una nota dallo stesso Ministero, delle 200 Drive-through-Difesa saranno composti da 1 medico, 2 infermieri, 2 autisti e 2 Carabinieri o personale del corpo della Polizia di Stato, ed assicureranno il corretto svolgimento delle attività e il mantenimento dell’ordine pubblico, attivandosi con preavviso di 24-48 ore dal momento in cui il Ministero della Salute indicherà le località.

 

In tutto le postazioni che sono presenti nella nostra regione con il personale delle forze armate sono tre: oltre a quella attivata ieri nel parcheggio del Palatrento, altre due postazioni sono a Bolzano e Rovereto.

 

“La Difesa - ha detto il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini - è in campo dall'inizio di questa emergenza e ha messo a disposizione da subito tutte le sue capacità e mezzi. Anche in questa fase, gli uomini e le donne di tutte le Forze Armate continueranno ad operare al servizio dei cittadini con impegno e determinazione".

 

L'intenzione è anche quella di incrementare le capacità di analisi dei tamponi. Saranno 12 i laboratori analisi della Difesa predisposti in tutta Italia, in grado di eseguire circa 19.000 test settimanali.

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 novembre - 08:48
Marco Delaini era conosciuto in tutto il lago di Garda, il 48enne era il titolare della Trattoria Fornico di Gargnano. I famigliari hanno lanciato [...]
Ricerca e università
27 novembre - 05:01
La centrale idroelettrica di Sant'Antonio, alle porte di Bolzano, è stata completamente ammodernata dalla società Eisackwerk, che nel 2015 si è [...]
Società
26 novembre - 19:57
L’iniziativa della diocesi di Trento in occasione dell’Avvento: “L’Anfora di comunità è un gesto concreto ma dal forte valore simbolico, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato