Contenuto sponsorizzato

Escursionista disperso, ripartono le ricerche di Daniele. In campo i droni e l'elicottero di Trento che sta usando la tecnologia 'Recco'

Sono operative una cinquantina di persone del Soccorso alpino di Schio, coordinatore della ricerca, Padova, Arsiero, Asiago, Verona e Recoaro - Valdagno, nonché il Soccorso speleologico, della Protezione civile di Caltrano, Valle dell'Agno, Schio, Lugo, Cogollo, dei Vigili del fuoco

Pubblicato il - 29 gennaio 2020 - 14:55

PASUBIO. E' il quarto giorno di ricerca sul Pasubio per Daniele, l'uomo di 42 anni scomparso sabato scorso. Di lui non si sa più nulla da quando ha parcheggiato la sua auto al Rifugio Balasso per una camminata dalla quale non ha più fatto rientro.

Le ricerche stanno proseguendo tutti i giorni. Questa mattina, attorno alle 8, sono ripartite. Dal campo base al Rifugio Balasso continuano a muoversi i gruppi in perlustrazione. Fino ad ora alcune squadre hanno rifatto la zona del Monte Cornetto, approfondendo la salita e la parte bassa boscosa del Vaio Stretto, altre hanno ripassato i punti segnalati il primo giorno dalle unità cinofile molecolari e due unità stanno setacciando la fascia basale della Val Canale.

Accanto a questo ci sono altri gruppi di soccorritori che hanno visionato la zona di Malga Baffelan e il sentiero tra Campogrosso e Camposilvano.

 

Sul campo anche i droni che sono entrati in azioni quest'oggi. Uno sui canali del Cornetto, due lungo quelli sotto la Strada degli eroi.

Sul posto è tornato nuovamente anche l'elicottero di Trento che sta sorvolando il Pasubio utilizzando l'apparecchio Recco.

Quest'ultimo è un sistema che consiste in un apparecchio elettronico denominato detettore che trasmette un segnale e in una piastrina riflettente che può essere inserita all'interno di capi d'abbigliamento, scarponi e zaini da montagna. Questo tipo di apparecchiatura è attualmente in dotazione alle squadre di ricerca del Soccorso Alpino, ciascuna delle quali ha un detettore (R9) che viene impiegato per la ricerca di travolti da valanga in tutte quelle situazioni dove le persone travolte sono prive di apparecchio Artva.

 

Sono operative una cinquantina di persone del Soccorso alpino di Schio, coordinatore della ricerca, Padova, Arsiero, Asiago, Verona e Recoaro - Valdagno, nonché il Soccorso speleologico, della Protezione civile di Caltrano, Valle dell'Agno, Schio, Lugo, Cogollo, dei Vigili del fuoco.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato