Contenuto sponsorizzato

Fermato per un controllo 30enne insulta e picchia i carabinieri. Arrestato

I controlli portati avanti dai carabinieri di Bolzano soprattutto nella zona della ferroviaria hanno portato all'arresto di tre uomini  e altri quattro denunciati

Pubblicato il - 13 febbraio 2020 - 12:19

BOLZANO. Spaccio di droga ma anche momenti di tensione nei confronti delle forze dell'ordine con scontri verbali e fisici. I controlli portati avanti dai Carabinieri della Compagnia di Bolzano durante la giornata di ieri e nella notte nella zona della stazione hanno portato all'arresto di 3 persone e alla denuncia di altre quattro.

 

Ad essere arrestato per resistenza, violenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale è stato un 30enne proveniente dal Marocco che all'atto del controllo è subito apparso infastidito dalla verifica dei documenti, dapprima rifiutandosi di fornirli e poi aggredendo sia verbalmente che fisicamente i militari.

 

Riportato alla calma dopo una brevissima colluttazione, l’uomo è stato tratto in arresto per resistenza, violenza, oltraggio a Pubblico Ufficiale nonché rifiuto di fornire le proprie generalità. Lo stesso è stato condotto presso il Carcere di Bolzano a disposizione della Procura della Repubblica del capoluogo.

 

Sempre nel corso dei controlli la Sezione Operativa del Nucleo Radiomobile ha notato un cittadino straniero della Sierra Leone di ventiquattro che nei pressi di via Alto Adige consegnava un involucro a un cittadino italiano, per poi allontanarsi rapidamente in direzione della stazione ferroviaria. Sia l’acquirente, un italiano già noto alle forze dell'ordine, che il cittadino straniero, dopo aver preso direzioni diverse, sono stati subito raggiunti e sottoposti a perquisizione che ha consentito di recuperare una dose di eroina che è stata sequestrata.

 

Il 24enne è stato denunciato per spaccio di droga alla Procura della Repubblica di Bolzano mentre il cittadino italiano è stato segnalato al Commissariato del Governo del capoluogo quale consumatore.

 

Sempre nell’ambito del medesimo servizio è stato controllato un trentenne cittadino nigeriano, sempre già noto alle forze dell'ordine, con numerosi precedenti per reati riguardanti gli stupefacenti. Il giovane è stato trovato in possesso di una dose di eroina che ha consentito di denunciarlo denunciarlo a piede libero alla Procura della Repubblica del capoluogo.

 

Sono due le persone che invece si sono trovate con la sospensione della detenzione domiciliare perché non hanno rispettato il provvedimento. Si tratta di un 47enne che, considerate le numerose infrazioni e violazioni documentate, è stato condotto in carcere. Stessa sorte capitata a un altro uomo, un 43enne che è stato tratto in arresto e condotto presso il carcere di Bolzano per le medesime ripetute violazioni alla prescrizioni inerenti lo status di arrestato sottoposto alla misura della detenzione domiciliare. Il provvedimento è stato emesso da parte del Tribunale di Sorveglianza di Bolzano, ed ora l’uomo dovrà proseguire la condanna nella struttura carceraria. A Gries, invece, i controlli dei carabinieri su un giovane di 25 anni hanno portato alla scoperta di sei dosi di hashish e marijuana per un peso complessivo di quasi trenta grammi. Immediata la denuncia.

 

Nelle prime ore del mattino di oggi, infine, un 23enne è stato fermato in piazza Verdi. Il ragazzo nascondeva in mano una dose di eroina e a seguito di perquisizione personale, è stato trovato con altre 7 dosi di droga e quasi 100 euro in banconote di piccolo taglio. Tutta la sostanza stupefacente è stata sequestrata, così come il denaro, reputandolo provento dell’attività di spaccio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 18:00

Gli aggiornamenti dopo una giornata di incontri e confronti. Fugatti spiega che ci sono stati i primi tre casi in provincia. Ora stanno rientrando in Lombardia

23 febbraio - 18:58

Solo tre settimane fa in quel punto Emanuele Rastelli era scivolato in un canalone per circa 300 metri. Questa volta è successo a un'altro escursionista. A dare l'allarme altri turisti che non hanno visto rientrare l'uomo al pullman 

23 febbraio - 15:55

Da lunedì 24 febbraio, per una settimana, tutti gli uffici e le sedi produttive di Lombardia, Emilia, Veneto, Trentino e Piemonte saranno chiuse per consentire gli interventi di disinfestazione. I sindacati: “Bene il riguardo per la salute, ma decisione senza preavviso, molti lavoratori non sanno nulla”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato