Contenuto sponsorizzato

FOTO E VIDEO. ''La fase di piena sta calando, ora si contano i danni''. Il Sarca esondato in vari punti: allagamenti, strade chiuse e tonnellate di tronchi nel Garda

Si chiude una giornata molto difficile per tutto l'Alto Garda. Chiusa anche la Gardesana per il rischio esondazione del fiume che in vari punti ha rotto gli argini ed è uscito allagando campagne e abbattendo quello che trovava al suo passaggio

Pubblicato il - 03 ottobre 2020 - 19:18

DRO. ''La fase di piena sta calando, abbiamo dunque passato il picco. Ora si rientra verso la normalità e si 'conteranno' i danni''. Così il sindaco di Arco al termine di una giornata molto difficile per tutta la zona dell'Alto Garda con un Sarca che, a causa delle fortissime piogge che si sono abbattute su tutta la regione a partire da ieri sera, è cresciuto in maniera esponenziale passando dai 30-50 metri cubi d'acqua al secondo di venerdì mattina alle 8 ai 300 metri cubi d'acqua al secondo alle 8 del mattino di oggi.

 

 

 

 

 


 

 

E così il fiume è esondato in molte zone, da Ponte Arche passando per Dro e Arco portando a valle quintali di legname e rifiuti prontamente bloccati nella zona di Torbole dalle reti (800 metri di reti) dei vigili del fuoco di Riva del Garda che si sono attivati sin dalle prime ore del mattino compresa la difficile situazione che si stava andando a profilare.

 


 

Intorno al primo pomeriggio si sono vissuti i momenti più preoccupanti quando l'onda di piena ha fatto straripare il fiume a Comano Terme, a Prabi, al Ponte Romano a Ceniga nelle campagne tra Dro e Arco e anche poco prima della cittadina arcense.

 


 

In tutte queste zone sono stati chiusi i ponti e le strade limitrofe agli argini. E' stata anche chiusa la Gardesana per evitare rischi, oltre a varie strade (la 249 a Linfano e la 45bis in via della Cinta) che transitano vicine al fiume, anche in questo caso per garantire la sicurezza della popolazione.

 


 

A Dro la forza dell'acqua ha divelto le impalcature che erano state posizionate alla base di un ponte per riqualificarlo. I vigili del fuoco sono intervenuti, in questo comune, con 20 pompieri ed hanno dovuto eseguire 30 interventi tra allagamenti, messa in sicurezza degli argini e della strada. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 gennaio - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato