Contenuto sponsorizzato

Genitori di figli disabili: in arrivo permesso speciale per poter passeggiare all’aperto. Segnana: “Importante continuare a gestire la disabilità in casa”

L’assessora Segnana: “Siamo intervenuti su segnalazione delle famiglie con ragazzi con disabilità o autistici che riscontrano problemi a stare chiusi in casa e hanno bisogno di uscire”. Ecco come chiedere il certificato

Di Tiziano Grottolo - 22 marzo 2020 - 21:28

TRENTO. Il governo ha recentemente varato delle nuove disposizioni per limitare ulteriormente gli spostamenti delle persone, nella fattispecie è stato fatto divieto a “tutte le persone fisiche” di “trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in un Comune diverso da quello in cui si trovano” fatta eccezione per quelle che vengono definite “comprovate esigenze lavorative” o di “assoluta urgenza” come i motivi di salute.

 

I trentini dunque dovranno attenersi a norme ancora più rigide, d’altra parte il momento è critico e il governo ha deciso di chiudere anche tutte quelle attività che sono ritenute non essenziali (QUI articolo). L’obiettivo è quello di ridurre al minimo gli spostamenti non necessari evitando in questo modo che le persone entrino in contatto fra loro veicolando, involontariamente, la malattia.

 

All’attenzione dell’assessora alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, è stato però portato un problema, ovvero quello che si sono trovate ad affrontare le famiglie con a carico un parente disabile o autistico. L’impossibilità di uscire infatti aggrava le condizioni di salute di queste persone che spesso hanno bisogno di attenzioni particolari.

 

“Siamo intervenuti su segnalazione delle famiglie con ragazzi con disabilità o autistici che riscontrano problemi a stare chiusi in casa e hanno bisogno di uscire”, ha confermato in conferenza stampa l’assessora. Per questa famiglie dunque sarà fatta un’eccezione permettendo a un accompagnatore di seguire il parente in brevi passeggiate all’aria aperta.

 

“Di concerto con l’Apss – ha spiegato Segnana – abbiamo deciso di elaborare un certificato ad hoc per consentire di svolgere delle camminate all’aperto, nonostante le restrizioni”. Scrivendo direttamente alla mail npitrentosegreteria@apss.tn.it sarà possibile ottenere una speciale autocertificazione da presentare qualora si venisse fermati per un controllo, il certificato dimostrerà che la persona in questione sta accompagnando il famigliare disabile per una salutare passeggiata.  “Riteniamo – ha concluso l’assessora – che sia importante permettere a queste famiglie di continuare a gestire il problema della disabilità in casa”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 gennaio - 20:40
L'incendio si è sviluppato intorno alle 19.30 e subito sul posto sono stati chiamati i pompieri della zona ma le operazioni di spegnimento [...]
Cronaca
22 gennaio - 19:04
Daniela combatteva fin da bambina con una rara malattia neuromotoria e da qualche anno era costretta sulla sedia a rotelle: non ha però mai perso [...]
Cronaca
22 gennaio - 17:33
Il dramma è avvenuto nel primo pomeriggio lungo un sentiero verso Malga Lodranega in Val Breguzzo ma, al contrario di quanto diffuso dagli altri [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato