Contenuto sponsorizzato

In Francia ''il Covid è fuori controllo''. Macron a un passo dal lockdown di quattro settimane. Coprifuoco e chiusure non sono bastate

La Francia sta vivendo una situazione drammatica con centinaia di morti al giorno e addirittura oltre 50 mila contagi segnalati domenica. Questa sera l'annuncio di Macron. Si cerca di tenere aperte le scuole elementari ma per bar, ristoranti e negozi pare arrivare la chiusura definitiva 

Pubblicato il - 28 ottobre 2020 - 11:55

PARIGI. La Francia a un passo dal lockdown. Per ''Liberation'' il titolo di apertura questa mattina è ''Covid fuori controllo, contenimento confermato'' e nel sottotitolo si legge: ''Dopo il fallimento di tutte le restrizioni, Emmanuel Macron chiede l'unità nazionale e annuncerà i provvedimenti più difficili mercoledì alle 20, che saranno votate giovedì dal Parlamento. E' in programma un blocco di quattro settimane''.

 

Se in Italia, infatti, la seconda ondata del coronavirus è cominciata più tardi anche se sta crescendo a ritmi vertiginosi raddoppiando i contagi di settimana in settimana (negli ultimi giorni sono stati superati i 21.000 positivi in 24 ore) in Francia domenica si è toccato il nuovo record con addirittura 52.000 contagiati rilevati. E ieri sera sono stati contati una cosa come 523 decessi correlati al Covid-19. Un bilancio delle vittime così alto perché sono stati inclusi anche i morti recenti segnalate nelle case di cura (235) oltre a quelli negli ospedali (288) nelle ultime 24 ore. E il giorno prima i decessi in ospedale erano stati 266. Dati altissimi che mostrano un sistema sanitario sempre più al collasso con il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva, che a superato ieri le 2.900 unità (148 in più rispetto a lunedì) e il numero complessivo di pazienti in ospedale salito a 18.955.

 

Numeri che dimostrano come il virus sia, in realtà, ancora forte, fortissimo e se l'Italia ancora non vive questa situazione drammatica davanti ci sono almeno cinque mesi dove se non si fa qualcosa la situazione non potrà che peggiorare (almeno finché non tornerà la stagione calda). In Francia la situazione è già oggi definita dalla stampa ''fuori controllo'' per una seconda ondata che, a detta di tutti, pare ''potenzialmente anche superiore alla prima - scrive Liberation -: mentre tutti gli esperti confermano questa fosca previsione, il governo chiede l'unità nazionale prima di prendere le "difficili" decisioni che lo stesso Emmanuel Macron confermerà questa sera''.

 

Tra le ''decisioni difficili'' in campo c'è il lockdown generale o l’introduzione di blocchi localizzati in alcuni punti caldi del Paese, con Parigi o Lione trasformate in zone rosse o, ancora, un lockdown nazionale nei fine settimana e coprifuoco più stretti nelle città. Stasera si saprà cosa avrà deciso il governo. Anche se le ultime notizie riprese dalla stampa locale suggeriscono che a partire da mezzanotte di domani il Governo dovrebbe imporre un lockdown nazionale di quattro settimane. Negozi (eccetto quelli con beni di prima necessità come i supermercati), bar e ristoranti dovrebbero chiudere totalmente, mentre sembra si stia cercando di salvare le scuole primarie e i servizi pubblici. Chiuse le scuole secondarie e forse anche le medie.

 

Il tutto nonostante già da giorni due terzi della popolazione è sottoposta a coprifuoco notturno, molte attività sono state limitate e ovunque bisogna indossare la mascherina ma non è bastato e ora si attendono interventi drastici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato