Contenuto sponsorizzato

Le folate di vento sono fortissime e il tetto delle cabine del Lido si alza e finisce a terra (IL VIDEO)

Questo quanto successo ieri a Levico dove problemi si sono avuti anche all'ex Hotel due Laghi. Le raffiche hanno superato i 100 chilometri all'ora in molte zone

Pubblicato il - 06 febbraio 2020 - 19:03

LEVICO. Il vento degli ultimi giorni ha causato molti danni in tutta il Trentino ma è stata proprio Levico una delle zone più colpite. Nel video si vede quanto è accaduto al Lido dove le cabine sono state letteralmente scoperchiate dalle forti raffiche di föhn che hanno attraversato la provincia.

 

Si sono raggiunti fino ai 189 chilometri all'ora a Punta Ces sul territorio di Primiero Castrozza e oltre i 160 chilometri all'ora in Veneto nella stazione Ra Valles. E ancora ci sono da segnalare i 147 km/h di Cima Presena, il Passo Manghen con 138 km/h e in Alto Adige i 100 km/h del Ciampinoi. I dati sono stati elaborati da Meteotriveneto e descrivono un Trentino Alto Adige e un Veneto attraversati da fortissime folate di föhn , appunto. Vento che sta mettendo a dura prova alberi e tetti con crolli avvenuti, per esempio, a Mezzolombardo (dove si è staccata anche la tenda di un ristorante), in Valsugana (dove la strada provinciale 1 per Levico è stata chiusa per caduta alberi) e a Levico.

 

Qui grande lavoro per i vigili del fuoco anche per i tetti scoperchiati come all'ex hotel due Laghi, struttura ormai abbandonata. Scoperchiate anche alcune cabine del lido dove fortunatamente non ci sono stati feriti. Un ferito, invece c'è stato a Trento, in via Mazzini, dove si è staccata un'insegna che ha colpito un ragazzo portato in ambulanza in ospedale, fortunatamente non in gravi condizioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato