Contenuto sponsorizzato

LE FOTO. L’Adige scende sotto la soglia d’allarme, evacuate 320 persone per l’esondazione. Resta chiuso il ponte di via Stazione a Egna

Il livello dell’Adige torna sotto la soglia d'allarme, i vigili del fuoco: “Sta ancora scendendo, l'evacuazione è stata sospesa. La popolazione può fare ritorno nelle proprie abitazioni”

Di Tiziano Grottolo - 31 agosto 2020 - 08:48

BOLZANO. Dopo le esondazioni di ieri l’Adige sta finalmente tornando a livelli normali. Giusto ieri, 30 agosto, il fiume era esondato nella zona di Egna costringendo protezione civili e vigili del fuoco a evacuare 320 persone.

 

Quest'ultime hanno trovato ospitalità dai parenti e in una palestra predisposta per far fronte alla situazione emergenziale. L’impeto della corrente era stato tale che si era temuto per le sorti del ponte che collega il paese di Egna con la stazione dell’Adige. Numerosi vigili impegnati in centinaia di interventi lungo l’intero corso del fiume.

 

 

Le situazioni più critiche si sono registrate proprio tra Bronzolo ed Egna. In via precauzionale era stata persino chiusa l’autostrada del Brennero A22, con il traffico deviato sulle arterie minori. L’autostrada è stata riaperta questa mattina alle 5.

 

 

“In questo momento – spiegano i vigili del fuoco – il livello dell’Adige è sceso sotto la soglia d'allarme e sta ancora scendendo L'evacuazione è stata sospesa. La popolazione evacuata può quindi tornare nelle proprie abitazioni. Anche le ditte possono riprendere la loro attività”. Sempre in via precauzionale resta chiuso il ponte di via Stazione a Egna.

 

 

Negli ultimi due giorni, circa 3.000 vigili del fuoco hanno effettuato oltre 400 interventi. In servizio per l'intera giornata anche i tecnici dei bacini montani, del servizio forestale e del servizio strade.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

27 novembre - 09:30

Due donne sono state estratte dal proprio veicolo, finito in un fossato dopo uno scontro con un'altra auto. L'incidente è avvenuto attorno alle 18.30 di giovedì 26 novembre nella località di Veronella, poco sotto Verona. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco, che hanno dovuto utilizzare le pinze idrauliche per liberarle

27 novembre - 09:09

L'obiettivo è quello di non spostare il coprifuoco e quindi anticipare anche la Messa di Natale. Il governo starebbe trattato con la Cei, intanto per la riapertura degli impianti sciistici se ne dovrà riparlare a gennaio e lo stesso vale per la scuola

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato