Contenuto sponsorizzato

Musica fuori orario, sospesa la licenza del bar: ''Agenti arrivati a mezzogiorno e hanno mandato via i clienti seduti ai tavolini''

Il nodo sarebbe relativo soprattutto alla musica che può essere diffusa dalle 18 alle 23 e la polizia è entrata in azione a mezzogiorno di oggi per dare seguito al provvedimento. Il titolare del bar: "Un duro colpo. Dopo essere stati chiusi 3 mesi per il lockdown dobbiamo fermarci di nuovo. Un intervento in pieno giorno, avrebbero almeno potuto aspettare la sera"

Pubblicato il - 04 September 2020 - 13:11

TRENTO. Clienti costretti a lasciare i tavolini e cambiare improvvisamente locale. Il bar 34 in piazza Duomo è stato colpito dalla sospensione della licenza per i prossimi 8 giorni.

 

Il nodo sarebbe relativo soprattutto alla musica che può essere diffusa dalle 18 alle 23 e la polizia è entrata in azione a mezzogiorno di oggi, venerdì 4 settembre, per dare seguito al provvedimento della Questura.

 

"La contestazione - dice Lorenzo, titolare del bar 34 - è per aver sforato l'orario indicato di qualche minuto: ho pagato anche due multe da 180 euro. Ma il problema è che la licenza mi è stata sospesa per diversi giorni e come è stata messa in esecuzione: in pieno giorno e con le persone sedute ai tavolini".


La sospensione della licenza va dal 4 al 12 settembre. "E' un duro colpo - aggiunge Lorenzo - perché ci dobbiamo fermare nuovamente dopo i 3 mesi di chiusura per il lockdown. Ho sempre versato gli affitti e le tasse, pagato tutto quanto è necessario. E' un anno particolarmente complicato per le attività economiche per la crisi causata dall'emergenza coronavirus. Siamo ripartiti, ma per 8 giorni non possiamo fare nulla e adesso sono costretto a lasciare a casa i 5 dipendenti".

 

Stop che è arrivato in pieno giorno. "Avevamo una ventina di clienti già seduti e che stavano consumando quanto richiesto - conclude Lorenzo - altre persone si stavano accomodando ai tavolini. Gli agenti hanno fatto alzare tutti e gli hanno detto di andarsene. Oltretutto mi trovo costretto a buttare via tutto quanto ho ordinato nel week-end. Sarei stato disponibile a pagare un'ulteriore sanzione, ho anche chiesto di poter aspettare almeno la sera e l'orario di chiusura del locale per far partire la sospensione da domani e potermi preparare. Invece non c'è stato verso, una situazione davvero brutta per come sono avvenute le procedure".  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 aprile - 15:55
La Giunta provinciale ha dato il via per il percorso organizzativo, amministrativo e di comunicazione necessario per l'apertura delle scuole [...]
Cronaca
23 aprile - 15:08
Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Levico Termine e di Pergine che grazie all'intervento immediato sono riusciti a contenere le fiamme [...]
Cronaca
23 aprile - 13:30
Da lunedì praticamente tutta Italia tornerà gialla e il Governo ha dato un via libera a moltissime riaperture ma per le regioni non è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato