Contenuto sponsorizzato

Sbagliano percorso e si trovano intrappolati a 2000 metri, poi il capocordata scivola e si ferisce. Tre ragazzi salvati dal soccorso alpino

I tre scalatori sono stati investiti da un masso, quando uno degli appigli dove erano ancorati ha ceduto improvvisamente. Poi la nebbia ha impedito l’intervento dell’elicottero. Solo in mattinata 4 operatori del soccorso alpino sono riusciti a raggiungere i tre ragazzi

Pubblicato il - 28 agosto 2020 - 13:18

SAGRON MIS. Si è concluso verso le 10.00 di questa mattina, 28 agosto, un complesso intervento per il recupero di una cordata di tre persone intrappolate sul Piz de Sagron nel gruppo del Cimonega. La cordata, composta da tre ragazzi della provincia di Venezia, era partita ieri con l'intenzione di scalare la via Ariano Zanin. Purtroppo però i tre hanno sbagliato percorso trovandosi sul campanile che si sviluppa a sinistra della via.

 

Come se non bastasse, mentre si trovavano a circa 2150 metri di quota l'appiglio a cui il primo di cordata si era aggrappato ha ceduto facendolo volare per alcuni metri. Il sasso, inoltre, ha investito di striscio anche gli altri due compagni che lo seguivano. I tre ragazzi, che nell'incidente si sono procurati lievi ferite ed escoriazioni, hanno quindi deciso di avvisare i soccorsi intorno alle 18e25.

 

Dal Veneto è decollato l'elicottero del Suem perché gli elicotteri di Trentino Emergenza erano occupati in altri interventi. Purtroppo, a causa della scarsa visibilità causata da una fitta nebbia presente in quota, l'elicottero non è riuscito ad effettuare il recupero. Il maltempo non ha permesso nemmeno di elitrasportare gli operatori del soccorso alpino in quota per tentare un intervento via terra.

 

Ai ragazzi, quindi, sono state fornite indicazioni via telefono per trascorrere la notte fuori e alle prime luci dell'alba, verso le 6.45, è decollato l'elicottero da Trento. Tuttavia, ancora a causa della nebbia, il recupero non è stato possibile. Verso le 8.30, grazie a una finestra di beltempo, l'elicottero ha potuto trasportare al limite delle nebbie quattro operatori della stazione Primiero che sono riusciti a raggiungere i tre ragazzi in circa 20 minuti di scalata.

 

I soccorritori, quindi, hanno messo in sicurezza i tre ragazzi e li hanno calati in un posto più sicuro e dove la visibilità consentisse il recupero in hovering con l'elicottero. Una volta a bordo, sono stati elitrasportati a passo Cereda e da lì sono andati all'ospedale di Feltre in autonomia.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 April - 16:55
L'A22 è stata riaperta da poco, le operazioni si sono rivelate lunghe per la necessità di pulire la sede dai numerosi detriti e rimuovere il [...]
Cronaca
19 April - 16:22
Sono stati analizzati 636 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 5 casi tra over 60 e 3 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci sono [...]
Cronaca
19 April - 16:08
L'incidente è avvenuto tra l'uscita 6 per Trento Centro e la 7 per Campotrentino proprio sopra il ponte sull'Adige
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato