Contenuto sponsorizzato

Scritte razziste sulle vetrine, Ianeselli: ''Fanno male, noi lavoriamo per una Trento inclusiva''. Fernandez: ''Gesto vile e figlio di un’ignoranza abissale''

Sono apparse sulle vetrine del locale “New Friends – Pizze & Kebab”, il sindaco Franco Ianeselli: "Dobbiamo sempre interrogarci su questo razzismo che purtroppo alcune forze politiche in alcuni casi alimentano''

Di Giuseppe Fin - 12 November 2020 - 12:51

TRENTO. Una scritta razzista, fatta con la bomboletta nera, di notte. E' stata trovata ieri mattina sulla vetrina del locale “New Friends – Pizze & Kebab” che si trova all'angolo tra via Pozzo e via Roma.

 

“Schifo Blach” è stato scritto da qualcuno che evidentemente non conosceva nemmeno la lingua inglese. Accanto a questo, in un'altra vetrina, la parola “Muori”.

 

A trovare le scritte è stato il titolare all'apertura del locale ieri mattina. Ha poi provveduto a cancellarle immediatamente.

 

Offese scomparse dal vetro ma che certamente lasciano un senso di tristezza ai titolari del “New Friends – Pizze & Kebab”. "Sono rimasto scioccato - dice a ildolomiti.it Aslam quando sono arrivato ad aprire e mi sono trovato queste scritte razziste. Avevano scritto anche 'vergognati'' e altre parole d'odio. Io non ho mai avuto problemi e mi ha fatto male. Ringrazio chi è venuto a portarmi la sua solidarietà".   

 

Dopo aver appreso la notizia anche il sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha deciso di intervenire. “Le scritte in generale quando vengono fatte sui muri o sulle vetrine fanno sempre male perché deturpano – spiega il sindaco – ma queste fanno particolarmente male perché sono scritte razziste”. Ieri pomeriggio Ianeselli ha fatto visita al locale e al titolare Aslam esprimendo “vicinanza e solidarietà”.

 

“Dobbiamo sempre interrogarci – ha continuato Ianeselli – su questo razzismo strisciante in questo caso esplicito, che alcune forze politiche hanno anche purtroppo alimentato. Esiste nella nostra comunità e ci deve essere il nostro impegno per una Trento sempre più inclusiva. Questo lo dobbiamo riaffermare ogni giorno parlando con la gente e anche nei social”.

 

Sulla questione ad intervenire per Europa Verde è stato anche il consigliere comunale Andreas Fernandez. “In questo momento di difficoltà, la nostra città non può permettere che i commercianti si trovino ad affrontare anche il virus del razzismo” spiega Fernandez.

 

“Mi auguro – continua - che per questo gesto vile e figlio di un’ignoranza abissale arrivi unanime la condanna da parte di tutte le forze politiche di Trento. È il momento di unirsi, non di odiare. Vanno stabiliti i limiti oltre i quali il pensiero dell’intollerante non diventa effettivamente un pericolo e qui li abbiamo superati. Un abbraccio ad Aslam da tutta Europa Verde”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato