Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, vertice Stato-Regioni: Fugatti chiede ''Distinzione tra regioni di 'colore' diverso anche al sabato e la domenica''

La Provincia di Trento ha ritenuto corretta la distribuzione dei vaccini a Regioni e Province autonome, sulla base del numero di anziani

Di GF - 11 January 2021 - 17:18

TRENTO. No ad una zona unica arancione nel weekend ma la possibilità di proseguire con la distinzione tra regioni di “colore” diverso anche al sabato e la domenica. Oltre a questo, l'accento sull'importanza dei ristori da predisporre per le categorie economiche che hanno subìto uno stop.

 

Sono queste le principali richieste che il governatore Fugatti ha rivolto questa mattina nel corso del vertice tra Regioni e Governo, alla presenza dei ministri per gli Affari regionali Francesco Boccia e per la Salute Roberto Speranza. Ad essere presenti erano anche gli assessori Stefania Segnana e Roberto Failoni.

 

Per quanto riguarda i test antigenici Fugatti, assieme ad altri governatori, ha spiegato di ritenere “che questi numeri vadano tenuti in considerazione nei conteggi diffusi giornalmente dalla Protezione civile nazionale al fine di stabilire un quadro realistico della situazione”.

 

Come ribadito oggi da Zaia, non è mancata ovviamente dalle Regioni la richiesta di valutazioni oggettive per la definizione dei vari rischi. Fugatti ha ritenuto corretta la distribuzione dei vaccini a Regioni e Province autonome, sulla base del numero di anziani presenti sui vari territori e non degli abitanti. Il Trentino ha peraltro deciso di non somministrare la totalità delle dosi consegnate, ma ne conserva un terzo al fine di garantire l'effettuazione del richiamo alla terza settimana, dato che la distribuzione settimanale sul territorio da parte delle case farmaceutiche può subire in alcuni casi uno slittamento di qualche giorno.

 

Sul tema ristori, dalla Provincia di Trento ha segnalato le manifestazioni di preoccupazione nel settore della ristorazione e di altre attività che oggi non lavorano. “Le valutazioni di tipo scientifico sono di competenza dei tecnici: noi dobbiamo sostenere le attività che stanno pagando il prezzo più alto e favorire, quando possibile, la ripartenza. Penso ad esempio all'asporto di cibi e bevande e alle consegne a domicilio” spiega Fugatti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 13:15

La Pfizer ha comunicato, senza alcun preavviso, nel pomeriggio di venerdì 15 gennaio, che avrebbe unilateralmente ridotto le fiale destinate all’Italia nel corso della prossima settimana del 29%

16 January - 19:04

Giovanni è un 87enne che per scelta vive da solo nell'abitato di Cercena'. Il paese più vicino si trova a 2 chilometri di distanza, ma lui si è sempre arrangiato, fino almeno a questo inverno, quando le abbondanti nevicate hanno reso necessario l'aiuto dei paesani, saliti con le ciaspole per rifornirlo di legna e viveri. Il sindaco di Val di Zoldo Camillo De Pellegrin: "Con lui la montagna non si spopola"

16 January - 19:55

E' successo a Bolzano, la madre ha chiesto un patteggiamento mentre il padre ha ottenuto, per il momento, un rinvio dell'udienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato