Contenuto sponsorizzato

Il nuovo direttore dell'Apss si è dimenticato degli infermieri. Pedrotti: ''Dispiace a fronte dei proclami sulla valorizzazione delle risorse umane. Serve un cambio di passo''

L'Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia Autonoma di Trento  chiede al nuovo dg dotazioni infermieristiche adeguate, il riconoscimento delle competenze e maggiore coinvolgimento 

Di G.Fin - 17 July 2021 - 16:40

TRENTO. “Non sono più accettabili gerarchie acquisite e non lungimiranti che prediligono, sulla base di retaggi culturali obsoleti e classisti, determinate professionalità rispetto ad altre o posizioni di privilegio a prescindere”. E' una lunga lettera quella che Daniel Pedrotti, presidente dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia Autonoma di Trento ha deciso di scrivere al nuovo direttore generale dell'Apss, Antonio Ferro, sul ruolo degli infermieri all'interno della comunità trentina e la necessità di un cambio di passo.

 

Una lettera nella quale l'Ordine esprime anche il dispiacere e il disappunto nell’apprendere dai primi interventi pubblici e dal messaggio di insediamento ai dipendenti Apss, che gli infermieri non appaiono considerati.

 

Una dimenticanza, spiegano gli infermiere con la quale si omette di riconoscere e valorizzare anche la collaborazione con l’Ordine degli infermieri della Provincia di Trento, il maggiore per numerosità che rappresenta circa 3000 infermieri in Apss e 4600 in provincia, oltre che con gli altri Ordini delle professioni sanitarie.

 

“Gli infermieri hanno dimostrato – spiega Pedrotti - anche da prima della pandemia, il loro valore e la loro elevata professionalità che tuttora stanno mettendo a disposizione del sistema sanitario e dei cittadini per il governo dei processi assistenziali a tutti i livelli di responsabilità e in situazioni spesso difficili e complesse. È palese che la capacità di gestione della pandemia da parte di professionisti competenti ha spesso fatto la differenza in termini di maggior possibilità e appropriatezza di risposta. Pertanto, riteniamo sia necessario un forte cambio di passo dove le parole d’ordine che guidano le scelte e la governance dei servizi sanitari devono essere multi-professionalità e competenza. Non sono più accettabili gerarchie acquisite e non lungimiranti che prediligono, sulla base di retaggi culturali obsoleti e classisti, determinate professionalità rispetto ad altre o posizioni di privilegio a prescindere”.

 

Da qui la decisione di chiedere garanzie concrete a tutela della qualità dell’assistenza dei cittadini e della valorizzazione della professione infermieristica: dotazioni infermieristiche adeguate dal punto di vista quali e quantitativo per la sicurezza e qualità delle cure, che il contributo dell’infermieristica alla salute dei cittadini e le competenze degli infermieri siano riconosciuti attraverso la continuità delle funzioni dirigenziali e l’espansione delle possibilità di carriera nelle aree della clinica, l'assistenza, del management e della formazione con posizioni dedicate e coerenti ai livelli di responsabilità che tengano conto delle competenze e del possesso di elevata formazione, di essere coinvolti con ruoli formalmente riconosciuti nei livelli di programmazione e di governo delle scelte strategiche aziendali e di non fungere da meri spettatori.

 

“Come infermieri siamo pronti a garantire – spiega Pedrotti - la piena collaborazione e supporto, auspicando azioni tangibili per il reale riconoscimento e valorizzazione della competenza infermieristica in Apss, al fine di poter contribuire all’efficienza ed eccellenza del sistema sanitario provinciale”.

 

Qui la lettera completa

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 luglio - 20:11
Trovati 27 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 15 guarigioni. Ci sono 5 pazienti in ospedale, nessuno in terapia [...]
Cronaca
25 luglio - 19:34
La tragedia in val di Sole. Purtroppo un giovane è morto per un malore, nonostante le tempestive manovre dell'istruttore e l'uso del [...]
Cronaca
25 luglio - 18:37
Il sindaco di Pinzolo, Michele Cereghini: "Per fortuna non ci sono feriti. Adesso procediamo con la somma urgenza per la messa in sicurezza e per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato