Contenuto sponsorizzato

Rubate 13 anni fa, sono state ritrovate grazie a 'Chi l'ha visto' le antiche porte del tabernacolo trentino della Chiesa dell'Annunciazione

Tutto è iniziato il 27 dicembre del 2008 quando le due porte di tabernacolo sono state trafugate dalla chiesa dell'Annunciazione di Maria a Lodrone, Storo. Si tratta di due pezzi risalenti al 1721, dipinti olio su rame e attribuiti a Nicolò Dorigati, pittore preferito dal canonico Carlo Ferdinando Lodron. Le foto pubblicate da ''Chi l'ha Visto'' sono state viste dal titolare di una casa d'aste 

Di G.Fin - 14 April 2021 - 10:45

STORO. Due porte antiche di un tabernacolo del '700 rubate nel 2008 dopo circa 13 anni sono tornate alla Chiesa di Storo.

 

Una vicenda curiosa e che ha avuto, fortunatamente, dopo tanti anni un lieto fine grazie anche alla trasmissione “Chi l'ha visto”. Nei giorni scorsi, infatti, alla caserma dei Carabinieri di Storo, al parroco don Andrea Fava, accompagnato dal legale incaricato dalla parrocchia, l'avvocato Luca Turinelli, i militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza hanno provveduto a riconsegnare le due ante da tabernacolo.

 

Tutto è iniziato il 27 dicembre del 2008 quando le due porte di tabernacolo sono state trafugate dalla chiesa dell'Annunciazione di Maria a Lodrone, Storo.

 

Si tratta di due pezzi risalenti al 1721, dipinti olio su rame e attribuiti a Nicolò Dorigati, pittore preferito dal canonico Carlo Ferdinando Lodron (lo stemma e le iniziali del prelato "C(arlo) F(erdinando) C(onte) L(odron)") compaiono in basso nei due sportelli. I soggetti rappresentati nelle due opere sono: "Sacra famiglia con Sant'Anna in gloria e Sant'Alessandro di Nicomedia" e "Santi in Convegno che contemplano la Madonna in Gloria e la Trinità". Il valore di ciascun sportello dovrebbe approssimativamente aggirarsi intorno ai 12 – 15 mila euro.


Immediatamente era stata fatta la denuncia del furto e erano partite le indagini. Nel 2019, poi, la novità arriva con la trasmissione “Chi l'ha Visto” che si occupa anche di opere d'arte rubate. La segnalazione alla trasmissione di Rai 3 arriva da un cittadino di Lodrone, Italo Danieli. Sui social sono state pubblicate le foto delle due ante.

 

Per puro caso le segnalazioni fatte su Twitter sono arrivate al titolare di una nota casa d’aste che ha appreso come i due sportelli di un tabernacolo del Settecento in suo possesso erano di provenienza illecita. Da Brescia, quindi, si è presentato a Monza, ai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale, e le ha consegnate. I carabinieri sono riusciti a rintracciare un cinquantenne della provincia di Brescia che le aveva poste in vendita denunciandolo alla Procura per il reato di ricettazione.

 

I due manufatti, come già detto, nei giorni scorsi sono stati riconsegnati alla parrocchia dell'Annunciazione di Lodrone dalla quale è arrivato il ringraziamento ai carabinieri che si sono occupati dell'inchiesta e a chi ha permesso il ritrovamento delle opere trafugate.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 maggio - 06:01
Praticamente tutti i territori li hanno sviluppati. Dal Piemonte alla Sicilia, praticamente tutti i territori li hanno presentati come [...]
Cronaca
10 maggio - 21:33
Sono 875 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 26 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 31 guarigioni dal [...]
Cronaca
11 maggio - 07:37
Lo schianto è avvenuto nella tarda serata sul territorio del comune di Sedico nel bellunese. La persona che si trovava alla guida è stata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato