Contenuto sponsorizzato

Bypass ferroviario, la Procura apre un’inchiesta: esposto sulle aree inquinate

Un gruppo formato da associazioni ambientaliste e cittadini ha chiesto il sequestro preventivo delle aree inquinate ex Sloi ed ex Carbochimica a Trento nord

Pubblicato il - 15 March 2022 - 11:05

TRENTO. Tutto è partito da un esposto presentato dagli avvocati Vanni Ceola e Marco Cianci, a nome di un gruppo di associazioni ambientaliste che si sono fatte avanti assieme ad alcuni cittadini per chiedere il sequestro preventivo delle aree inquinate.

 

Secondo associazioni e cittadini il sequestro sarebbe necessario per evitare rischi ambientali durante i lavori di scavo per la realizzazione dell’interramento della ferrovia a Trento. Nel mirino ci sono in particolare le aree inquinate ex Sloi ed ex Carbochimica a Trento nord.

 

Per queste ragioni la Procura di Trento ha aperto un fascicolo anche se per il momento non ci sono notizie di reato né tanto meno indagati. Di fatto si tratta di un atto dovuto. Dal canto suo anche il Comune di Trento aveva chiesto studi più approfonditi sulle due aree inquinate, tenute sotto stretta osservazione anche dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente della Provincia di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
24 giugno - 20:07
La Pat ha presentato un piano contro la diffusione del bostrico: l'individuazione precoce degli alberi infestati e il loro immediato abbattimento [...]
Cronaca
24 giugno - 21:27
Il fienile, dove si trovava una famiglia, è stato colpito da un fulmine. Stando alle prime informazioni una bambina di 11 anni sarebbe stata [...]
Cronaca
24 giugno - 17:47
L'assessore Tonina in Terza Commissione: "O si riuscirà a trovare una condivisione trasversale sulla costruzione di un impianto gassificatore, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato