Contenuto sponsorizzato

Inizia la scuola, ''Vuota quasi la metà delle cattedre a tempo indeterminato'' la denuncia del sindacato: "Scarsa programmazione e assenza di investimenti"

La denuncia dalla Flc della Cgil, Mazzacca: "Quello dei docenti è solo la punta dell’iceberg. Se ne parla poco ma a scuola mancano assistenti educatori, personale ausiliario, tecnico e amministrativo"

Di G.Fin - 08 settembre 2022 - 12:51

TRENTO. Inizia la scuola e torna anche il problema delle cattedre vuote. A lanciare l'allarme è la Flc della Cgil che denuncia “Vuota quasi la metà delle cattedre a tempo indeterminato”. 

 

Lunedì è previsto l'inizio della scuola primaria e secondaria. Bambini e ragazzi torneranno in aula in tutto il Trentino, ma anche quest’anno la scuola provinciale dovrà affrontare alcuni problemi. 

 

A giugno si sono liberate, a seguito dei pensionamenti, 548 cattedre, cioè posti a tempo indeterminato, ma, spiega in una nota il sindacato, solo il 52% di queste è stato coperto con insegnanti che sono entrati in ruolo. Il resto è stato affidato, o verrà affidato nei prossimi giorni, con i contratti a tempo determinato. 

 

“Anno dopo anno, con o senza concorsi, a scuola come in un assurdo gioco dell’oca si riparte sempre dal via” spiegano dalla Flc del Trentino. La condizione peggiore riguarda la scuola secondaria di primo e secondo grado, cioè medie e superiori. A giugno si sono liberati 424 posti a seguito di pensionamento, solo il 40% di questi è stato coperto cioè 169 e ne restano vacanti 255. “I posti vuoti – viene spiegato - hanno una duplice spiegazione: 112 posti verranno coperti quando sarà concluso il concorso, che sta procedendo tra non pochi ritardi; 143 cattedre, invece, resteranno vuote a prescindere perché i posti messi a concorso erano insufficienti a coprire il reale fabbisogno”. Per questi bisognerà attendere un nuovo concorso.

 

“Questa situazione è il frutto di una serie di errori legati a scarsa programmazione, assenza di visione e insufficienti investimenti sulla scuola – accusa la segretaria provinciale Cinzia Mazzacca puntando il dito contro l’assessorato all’Istruzione -. Come sindacato abbiamo subito messo in guardia l’assessore, ancora oltre un anno fa, che i posti messi a concorso erano insufficienti. Bastava fare una stima dei pensionamenti per avere una fotografia del reale fabbisogno. E’ questa una delle ragioni per cui oggi sono scoperte anche cattedre in discipline che non avevano mai dato problemi di carenza di organico, come italiano. A questo si somma un ingiustificabile ritardo nella procedura del concorso”.

 

Dove il concorso è stato programmato e gestito per tempo, infatti, la situazione è diversa: alla primaria le 118 delle cattedre liberatesi in giugno sono state coperte per il 95%.

 

“L’assessore ha dimostrato ancora una volta l’assenza totale di lungimiranza: invece di ricorrere a meccanismi che scardinano le graduatorie stabilizzando a tempo determinato un organico precario, sarebbe stato sufficiente aumentare i posti disponibili per il ruolo e prevedere graduatorie per le assunzioni", insiste Mazzacca che adesso sollecita il titolare dell’Istruzione a prestare fede al suo impegno e a bandire il concorso straordinario entro quest’autunno. “Lo aveva annunciato. Adesso è il momento di farlo”.

 

Quello dei docenti, peraltro, è solo la punta dell’iceberg. “Se ne parla poco ma a scuola mancano assistenti educatori, personale ausiliario, tecnico e amministrativo. Non si fanno i concorsi perché il Dipartimento è ridotto all’osso e il personale, pur impegnandosi al massimo, non è posto nelle condizioni per seguire in modo efficace le varie partite aperte. Anche su questo sarebbe ora di intervenire”.

 

Quello ormai alle porte sarà anche l’anno del ritorno alla normalità dopo due anni di pandemia. “La scuola ha affrontato due anni difficilissimi, speriamo che adesso la situazione regga. Quel che è certo che dalla pandemia avremmo anche potuto imparare riducendo il numero di alunni per classi, migliorando le strutture scolastiche, investendo sull’inclusione. Ad oggi quel che sembra aver prevalso è un ragionamento solo ragionieristico, cioè di riduzione dei costi come dimostra anche la decisione di cancellare, dopo appena un anno, la figura dell’assistente educatore alle superiori. Le scuole hanno investito tempo ed energie per progettare e realizzare significativi percorsi per gli studenti per vedere poi cancellato tutto per risparmiare le risorse da dirottare altrove. Per la qualità bisogna attendere ancora”, conclude Mazzacca auspicando che almeno siano rinnovati al più presto i contratti di lavoro “riconoscendo al personale gli aumenti di stipendio che da dicembre 2018 stanno aspettando" 

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 24 settembre 2022
Telegiornale
24 set 2022 - ore 21:22
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
24 settembre - 19:13
Una lettera per chiedere maggiori controlli contro le speculazione sugli alpeggi è stata consegnata all’assessora Zanotelli, i pastori [...]
Economia
24 settembre - 19:20
Al teatro Sociale di Trento i maggiori esponenti del movimento calcistico a livello italiano hanno cercato di rispondere alle questioni più [...]
Cronaca
24 settembre - 18:22
In Veneto, fino alla fine di settembre, è stata sospesa la caccia per diverse specie di uccelli migratori, inoltre sarà vietato l’utilizzo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato