Contenuto sponsorizzato

Sara Pedri, operazione di ricerca nel lago di Santa Giustina (FOTO): in azione vigili del fuoco, carabinieri, soccorso alpino e unità cinofile della Guardia di Finanza

Visto il livello delle acque del lago di Santa Giustina e le condizioni meteo, si è deciso di organizzare un nuova grossa operazione con l'utilizzo delle unità cinofile specializzate per la ricerca di cadaveri che hanno percorso le rive del lago

Di Giuseppe Fin - 28 maggio 2022 - 13:30

CLES. Operazione di ricerca sul lago di Santa Giustina per ritrovare il corpo della ginecologa Sara Pedri scomparsa il 4 marzo del 2021.

 

Dalle prime luci di questa mattina sono oltre una quarantina gli operatori in campo assieme a diverse unità cinofile.

Impegnati i vigili del fuoco del distretto, il personale del soccorso alpino, i carabinieri delle stazioni locali, la guardia di finanza con i cani per la ricerca di cadaveri il tutto coordinato dalla compagnia dei carabinieri di Cles

 

Le ricerche erano partite immediatamente dopo la scomparsa. Grazie all’analisi delle videosorveglianze pubbliche e al tracciamento del cellulare, si era riusciti a rintracciare l'autovettura, una VW Troc, parcheggiata in località Mostizzolo del Comune di Cis, al confine con quello di Cles, vicino all’incrocio tra le strade statali 43 e 42, nelle adiacenze del ponte che sovrasta il torrente Noce. All’interno del veicolo era presente il suo cellulare. 

Da quel 4 marzo del 2021, però, di Sara Pedri non si è più saputo nulla. C'è l'ipotesi di un gesto drammatico che sembra ormai essere diventata una certezza nel corso dei mesi e anche la ricerca di un corpo che prosegue.

 

 “Abbiamo la speranza di portarci presto a casa Sara” aveva spiegato a febbraio la sorella Emanuela a Il Dolomiti (QUI L'ARTICOLO). Lei in questi mesi, assieme a tutta la sua famiglia, non ha mai smesso di combattere per quello che è successo a Sara e allo stesso tempo non ha mai smesso nemmeno di cercarne il corpo.

Oggi, visto il livello delle acque nel lago di Santa Giustina e le condizioni meteo, si è deciso di organizzare un nuova grossa operazione con l'utilizzo delle unità cinofile specializzate per la ricerca di cadaveri che hanno percorso le rive del lago. Allo stesso tempo sono quattro i gommoni dei vigili del fuoco per ancora una volta stanno scandagliando le acque alla ricerca di qualche elemento

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato