Contenuto sponsorizzato

A Bolzano sciopero del personale Sad di bus, treni e funicolari. A indirlo l'Usb: "Turni troppo lunghi e ambienti di lavoro non idonei"

Lo sciopero è indetto per lunedì 9 gennaio e durerà 4 ore. Tra le cause anche quelle delle sedi locali fatiscenti e delle manovre "a rischio" che vengono imposte agli autisti che avevamo documentato come il Dolomiti

Pubblicato il - 08 January 2017 - 15:55

BOLZANO. Sciopero del personale Sad Trasporto Locale. Tra le ragioni anche due temi di cui ci eravamo occupati come il Dolomiti: quello delle residenze prive di servizi igienici e in cattive condizioni (si veda l'articolo Un'autorimessa che pare un fienile: a Caldaro nel capanno della Sad dove gli autisti fanno pipì su un porta ombrellone) e degli autisti costretti ad imboccare strade contro mano per problemi di viabilità (Quando l'autista di pullman è "costretto" a violare la legge).

 

Ad annunciarlo l'Usb Lavoro Privato del Trentino Alto Adige, che lo ha proclamato per il prossimo 9 gennaio per 4 ore. Il personale, quindi, si asterrà dall’attività lavorativa in base al comparto negli orari di seguito riportati garantendo, come da normativa di legge, i servizi minimi garantiti. E quindi disagi si potrebbero avere per il personale viaggiante dei servizi su gomma, funicolare, funivia e trenino del Renon dalle 17 alle 21. Il personale viaggiante dei servizi ferroviari si asterranno dal servizio dalle 11.30 alle 15.30 mentre il personale amministrativo, di terra, di officina e lavaggio dalle 17 alle 21.

"Tale sciopero - comunica l'Usb - che non è il primo effettuato dal personale Sad in questi mesi, e certamente non sarà l’ultimo, si rende necessario data la deleteria situazione ad oggi esistente in Sad, per quanto concernente la formazione turni, la condizione igienico-sanitaria degli ambienti lavorativi, e la sicurezza del personale viaggiante, il quale in più occasioni e costretto a svolgere turni in violazione con le norme di legge che regolano il settore. Entrando nel merito, si registrano violazioni alle norme di legge sulla formazione turni, con nastri lavorativi che superano le 12 ore, prestazioni effettive di lavoro che superano le 8 ore, turni che superano le 5 ore continuative senza le interruzioni previste. Inoltre vi è la situazione dei risposi settimanali, infatti al personale che dovesse effettuare un mancato riposo, ovvero due settimane lavorative di fila, al termine di queste, come già accaduto in passato, allo stesso non viene concesso il riposo compensativo (ovvero due riposi settimanali attaccati (24 ore + 24 ore)".

 

"Sotto il profilo della condizione igienico-sanitaria degli ambienti di lavoro - prosegue il sindacatola situazione registrata in alcune residenze è al limite della dignità umana, infatti in più residenze non vi sono ne servizi igienici, ne locali a disposizione del personale, arrivando persino a situazioni ove il personale e mezzi sono parcheggiati a lato di una strada o in un piazzale, senza nessun riparo dalle condizioni climatiche. Altresì, vi sono vistose lacune legate alla circolazione stradale, infatti il personale in più occasioni è costretto ad effettuare manovre pericolose e contromano in violazione del codice della strada, quando basterebbe poco per evitare ciò, come ad esempio semafori o mezzi di dimensioni inferiori. A seguito di alcuni interventi tali manovre sono state ricondotte in un alveo di regolarità ma molte altre sarebbero tutt’oggi soggette a verifica e vista l’introduzione nel codice penale dei reati di Omicidio Stradale e Lesioni Personali Stradali (art.589 bis e 590 bis C.P.) e le sanzioni pesanti che questi articoli prevedono, i lavoratori si trovano un’ulteriore spada di Damocle sulla testa. (Non vi è un rapporto commisurato tra salario e rischio correlato!)".

"Il 9 gennaio - conclude l'Usb - i lavoratori Sad scioperano per ottenere migliori condizioni lavorative, che portino ad un minor stress psicofisico e ad un radicale cambiamento del sistema di lavoro, al fine di ottenere maggiori garanzie per se stessi e per l’utenza trasportata".
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 January - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 January - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato