Contenuto sponsorizzato

Chiude il passo per lavori, gli studenti di Fiavé e Lomaso torneranno a casa passando per Sarche quelli di Ballino li stavano dimenticando

Da piano di Trentino trasporti sei ragazzi minorenni sarebbero stati lasciati a Lago di Tenno a 4 chilometri dalle loro case. Il sindaco Zambotti, però, si è fatto valere e una soluzione (dal 28) sarà trovata

Di Luca Pianesi - 26 marzo 2017 - 12:07

FIAVE'. Si stavano dimenticando di sei ragazzi. Sei studenti di Ballino, tutti minorenni, che a scuola ci vanno e, probabilmente, ci sarebbero voluti andare andare anche nelle prossime due settimane. A causa dei lavori di rifacimento dell'asfalto, che da lunedì provocheranno la chiusura totale (dalle 7 alle 18 dal 27 al 31 marzo e dal 2 al 7 aprile) della statale 421 proprio all'altezza dell'abitato del paesino posto sulla sommità dell'omonimo passo, infatti, da progetto sarebbero stati lasciati dalla corriera a 4 chilometri dalle loro case, al Lago di Tenno.

 

"Diciamo che mi sono un po' arrabbiato - spiega il sindaco di Fiavé Angelo Zambotti - intanto perché la comunicazione ufficiale della chiusura totale della strada ce l'hanno data solo mercoledì 22. Poi quando ho letto l'ordine di servizio di Trentino trasporti sono rimasto davvero interdetto. E' vero che Ballino è un piccolo paesino però penso che anche gli abitanti delle zone di montagna e più lontane dai centri abbiano il diritto ai servizi. Ho sentito Trentino trasporti e sulle prime sembrava che i ragazzi dovessero arrangiarsi. 'Si facciano venire a prendere dai genitori' mi era stato detto. Poi è intervenuto il dirigente della Provincia Roberto Andreatta e insieme siamo riusciti a trovare una soluzione".

 

Quel che sembra accadrà è che verrà messo a disposizione (dal 28) dei sei ragazzi un furgone nove posti che dal Lago di Tenno li porterà fino in paese. E gli altri? "Venerdì mi sono premurato di sentire Trentino Trasporti per capire come sarebbero state riorganizzate le linee da e per Riva - prosegue Zambotti -. Se la corsa mattutina (delle 7) per Riva sarà fatta passare prima della chiusura della strada (passa per Ballino alle 7.02) e quella delle 18.20 da Riva non avrà intoppi, diverso è il discorso per le corse che riportano a casa gli studenti. Dagli uffici provinciali mi è stato spiegato che era impossibile pensare un’apertura temporanea a metà giornata, accorgimento che avrebbe prolungato la durata dei lavori: su questo ci siamo trovati immediatamente d’accordo. Gli studenti di Fiavé e Lomaso, quindi, dovranno rientrare facendo il giro da Sarche, ma penso sia un disagio sopportabile per una decina di volte in tutto. Ci metteranno una mezz'ora in più ma per due settimane penso si possa fare".

 

E d'altronde, pare non ci fossero altre soluzioni. I lavori sono resi necessari dal danneggiamento dell'asfalto e per ripristinare una serie di servizi e di allacci e non era possibile chiudere una corsia alla volta perché, altrimenti, ci sarebbe voluto troppo tempo. La viabilità alternata, invece, regolata da semaforo, sarà attivata dalle 18 alle 7 e nei weekend.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 gennaio - 08:56

Inutile la corsa all’ospedale  di Bergamo. Matteo, proveniente da Stazzona, è deceduto poco dopo l’arrivo nella struttura. Il giovane si trovava in zona assieme ad altri amici con la motoslitta

25 gennaio - 07:58

La posizione della giovane potrebbe essere archiviata nei prossimi giorni.  Gli investigatori stanno cercando di ricostruire con esattezza cosa possa essere successo in quel 'buco' di 40 minuti nel tragitto tra Bolzano e Ora. La ricostruzione fatta per ora dagli investigatori è che proprio quei minuti siano serviti al figlio della coppia per mettere i genitori senza vita in auto e gettarli poi nell'Adige

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato