Contenuto sponsorizzato

Esplosione in casa ad Ala, stava maneggiando ordigni bellici

Un uomo di 60 anni è rimasto ferito alle mani ed è stato portato al pronto soccorso. Sul posto sono intervenuti gli artificieri

Pubblicato il - 05 dicembre 2016 - 12:31

ALA. Rischia di perdere la mano sinistra l'uomo che questa mattina è stato vittima di una forte esplosione avvenuta a Serravalle di Ala.

 

Ad esplodere sarebbe stato un ordigno bellico che il 60enne, stando alle prime ricostruzioni, stava tentando di disinnescare. Intorno alle 7.30 l'esplosione e quindi è scattato l'allarme.

 

Sul posto è arrivato l'elicottero del 118 che lo ha immediatamente portato all'ospedale Santa Chiara e i carabinieri, che si sono messi all'opera per ricostruire l'accaduto. Nel garage sono quindi intervenuti gli artificieri per mettere in sicurezza l'area.

 

L'uomo è stato operato presso il reparto maxillo-facciale del Santa Chiara di Trento per le ferite al volto e poi trasferito a Peschiera del Garda per quanto riguarda l'intervento sulle ferite riportate alla mano. La prognosi è di 45 giorni. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato