Contenuto sponsorizzato

Polveri sottili, da domani limiti alla circolazione per le auto inquinanti

Il provvedimento in vigore fino a marzo del prossimo anno. Limiti a Euro0, Euro1 e Euro2 durante le fasce orarie

Pubblicato il - 31 ottobre 2016 - 16:22

TRENTO. Attenzione, da domani entra in vigore il piano antismog. Dal 1° novembre fino al 31 marzo del prossimo anno, saranno posti limiti e divieti per promuovere la riduzione delle emissioni di polveri fini e di ossidi di azoto. Fondamentale, ovviamente, la limitazione della circolazione sul territorio comunale per i veicoli più inquinanti.

 

Tutti i giorni, esclusi sabato e festivi, dalle 7 alle 10 e dalle 16 alle 19, è previsto il blocco per tutti i veicoli classificati “euro 0”,  per i veicoli alimentati a diesel classificati “euro 1”, per i veicoli alimentati a diesel classificati “euro 2” ( ad eccezione di quelli dotati di filtro antiparticolato omologato F.A.P) e per i motocicli e i ciclomotori a due tempi alimentati prevalentemente a miscela olio/benzina “euro 1”.

 

L'ordinanza prevede inoltre che il trasporto di carichi polverosi effettuato con qualsiasi veicolo avvenga previa copertura con teli idonei o in alternativa previa bagnatura del carico

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato