Contenuto sponsorizzato

Polveri sottili, da domani limiti alla circolazione per le auto inquinanti

Il provvedimento in vigore fino a marzo del prossimo anno. Limiti a Euro0, Euro1 e Euro2 durante le fasce orarie

Pubblicato il - 31 ottobre 2016 - 16:22

TRENTO. Attenzione, da domani entra in vigore il piano antismog. Dal 1° novembre fino al 31 marzo del prossimo anno, saranno posti limiti e divieti per promuovere la riduzione delle emissioni di polveri fini e di ossidi di azoto. Fondamentale, ovviamente, la limitazione della circolazione sul territorio comunale per i veicoli più inquinanti.

 

Tutti i giorni, esclusi sabato e festivi, dalle 7 alle 10 e dalle 16 alle 19, è previsto il blocco per tutti i veicoli classificati “euro 0”,  per i veicoli alimentati a diesel classificati “euro 1”, per i veicoli alimentati a diesel classificati “euro 2” ( ad eccezione di quelli dotati di filtro antiparticolato omologato F.A.P) e per i motocicli e i ciclomotori a due tempi alimentati prevalentemente a miscela olio/benzina “euro 1”.

 

L'ordinanza prevede inoltre che il trasporto di carichi polverosi effettuato con qualsiasi veicolo avvenga previa copertura con teli idonei o in alternativa previa bagnatura del carico

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato