Contenuto sponsorizzato

Paura all'ospedale di Borgo Valsugana, principio d'incendio nella notte

Una lavatrice ha iniziato a produrre un denso fumo nero che ha messo in allarme i dipendenti. L'intervento dei Vigili del Fuoco ha evitato il peggio

Pubblicato il - 10 dicembre 2016 - 09:51

BORGO VALSUGANA. Nella notte una lavatrice del reparto lavanderia dell'ospedale della Valsugana ha iniziato a fumare probabilmente a causa di un problema elettrico. Il denso fumo ha riempito i locali e la sua fuoriuscita ha allarmato il personale di turno

 

Immediatamente allertati i Vigili del fuoco che sono intervenuti in forza per evitare il peggio. La lavatrice è stata messa in sicurezza e portata all'esterno dei locali per evitare che le eventuali fiamme potessero raggiungere scatoloni e masserizie accatastate nella stanza.

 

Il fumo è stato aspirato all'esterno del reparto lavanderia ma ha lasciato annerite tutte le pareti circostanti. Nessuna conseguenza sui pazienti che non hanno dovuto subire l'evacuazione soltanto per il pronto intervento dei Vigili del fuoco e dall'immediato allarme lanciato dai dipendenti.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato