Contenuto sponsorizzato

Trento, presentato il progetto del nuovo centro multidisciplinare di allenamento indoor del valore di oltre 2 milioni di euro

L'inizio dei lavori nella primavera del 2017 

Pubblicato il - 07 dicembre 2016 - 11:52

TRENTO. Un nuovo centro multidisciplinare di allenamento indoor che sarà chiamato a dare risposta alla mancanza di una struttura nella quale gli atleti di diverse discipline sportive possono allenarsi quando le condizioni meteorologiche non permettono di utilizzare gli impianti di atletica all'aperto.

 

Il progetto, del costo di 2 milioni e 200 mila euro, è stato presentato questa mattina dal Comune di Trento e accoglie l'esigenza espressa dalle federazioni di atletica leggera del Trentino inserendola all'interno dell'Accordo di Programma stipulato tra Comune di Trento e Provincia Autonoma di Trento "per il finanziamento di interventi relativi ad una struttura per gli organismi provinciali del Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), denominata 'Casa dello Sport', nonché di interventi di adeguamento del 'Centro sportivo Manazzon' e di altri compendi sportivi”.

 

Il progetto prevede pertanto la realizzazione di una struttura coperta in grado di ospitare gli spazi e le attrezzature necessarie per l'allenamento delle seguenti discipline: corsa su pista da 60 mt, salto in lungo, salto in alto, salto con l'asta, lancio del peso, del disco e del martello, lancio del giavellotto.

 

L'allenamento relativo alle discipline dei lanci – data la superficie a disposizione – riguarderà la fase finale del lancio (senza rincorsa), con la raccolta dell'attrezzo lanciato tramite reti appositamente progettate.

Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo volume al di sopra della tribuna per il pubblico esistente lungo il lato ovest dell'area. Al piano terra, con un volume realizzato a ridosso del retro delle gradonate, sono disposti gli spogliatoi, l'atrio di accesso e la scala con ascensore per accedere al piano sopraelevato. In altro volume, sempre sul retro delle gradonate sono ospitate le attività dei lanci. Alla quota superiore è previsto un volume di forma regolare pensato per ospitare tutte le attività previste. Il nuovo volume, al di sopra delle tribune, avrà inoltre la funzione di copertura per le gradonate del pubblico ed inoltre ha l'ulteriore vantaggio di occupare con la nuova opera una parte dell'area già costruita, mantenendo inalterata la parte che attualmente è destinata a verde.

 

Nello specifico, il progetto prevede la realizzazione dei seguenti spazi per l'allenamento indoor. Al piano terra: atrio e spogliatoi per atleti e istruttori, con servizi igienici e docce; in altro volume area per la simulazione dei lanci (giavellotto, disco, martello, peso); al livello intermedio: spogliatoi per atleti e istruttori, con servizi igienici e docce, locali tecnici; al piano sopraelevato: pista per corsa da 60 m, pista per salto in lungo, pista per salto con l'asta e, in parziale sovrapposizione con le precedenti attività, zona salto in alto.

 

La durata dei lavori è prevista in 480 giorni (+ 4 mesi circa per i collaudi, gli arredi e la consegna). L'inizio sarà probabilmente a primavera 2017

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 05:01

Piazza Dante tergiversa, approfondisce in attesa di chissà quale illuminazione. La legge è stata licenziata a luglio, il Tar ha accolto i ricorsi di diversi esercizi commerciali a inizio settembre, ma ancora si decide di non decidere

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato