Contenuto sponsorizzato

Il Portland apre le porte ai ladri. Ma solo se fanno ridere

Per consentire ai comici di conquistare il loro "bottino" di buon umore il teatro di Piediscastello ha organizzato "Esperienze", un corso intensivo con  Carolina De La Calle Casanova, attrice e regista che ha lavorato con Paolo Rossi e molti altri. I partecipanti misureranno i loro monologhi  di cinque minuti con incursioni nei bar e in luoghi imprevedibili.

Pubblicato il - 20 ottobre 2017 - 08:24

TRENTO. La comicità è una sfida per un attore! E’ una tecnica crudele di recitazione perché in essa l’attore è chiamato ad esporre il fianco, a giocare con i propri difetti, ad elaborare la difficoltà del vivere per ottenere una risata. E si sa, le risate sono come gli applausi: un attore, ne vuole sempre di più. Fino a rubarle!

 

Per consentire a questi "Ladri" di conquistare il proprio bottino il Portland ha deciso di dedicare loro un corso intensivo che rientra nel filone di offerta didattica su selezione, intitolato significativamente "Esperienze". Le Esperienze di Comicità saranno curate da una maestra della risata, la regista e drammaturga Carolina De La Calle Casanova, professionista che nel corso della sua carriera ha curato la drammaturgia e la regia di numerosi spettacoli che si confrontavano con questo genere.

 

Carolina ha lavorato al fianco di assoluti maestri genere, per citarne uno tra tutti, Paolo Rossi, del cui staff autoriale ha fatto parte per nove anni. Il percorso, da lei stessa ideato e progettato, è pensato per professionisti ed attori con un'esperienza almeno triennale e, si articolerà in due cicli intensivi, della durata di circa un mese ciascuno, organizzati tra i mesi di ottobre e di dicembre.

 

Il percorso offre una struttura innovativa che porterà l'esperienza teatrale al di fuori dei confini del teatro stesso- Ai partecipanti verrà richiesto di portare un monologo comico, anche di propria scrittura, della durata massima di cinque minuti. Con quel monologo, messo in prova e affinato con Carolina, gli attori andranno a fare delle incursioni in luoghi non propriamente teatrali, quali sono i bar. Lì incontreranno il pubblico, in una zona non protetta perché non si può prevedere la reazione di un pubblico messo di fronte ad un testo comico. Lì dialogheranno con il pubblico e con se stessi, cercando di rubare risate! (La video intervista a Carolina prima del corso del 2016 al Portland. L'articolo segue dopo il video)

 

 

Altri incontri/scontri con il pubblico saranno organizzati al Portland, in occasione degli spettacoli della Bella Stagione. Con questa proposta sperimentale e dal carattere professionale Portland si connota come centro di formazione sempre più volto ad esaltare le professionalità presenti sul territorio offrendo loro proposte mirate e di alto livello.

 

La struttura del corso intensivo #Ladri di risate si articola in due cicli intensivi, frequentabili anche singolarmente, della durata di un mese circa ciascuno così strutturati: 3 lezioni serali, 1 lezione intensiva nel fine settimana e 1 performance organizzata in luogo esterno al Portland. Verrà inoltre organizzata una serata conclusiva e condivisa di presentazione di tutte le performance che verrà messa in scena presso il teatro Portland. Il periodo di svolgimento del percorso si articolerà tra i mesi di ottobre e dicembre 2017. Per maggiori informazioni si rimanda al sito web del Teatro Portland, alla sezione formazione: http://www.teatroportland.it/formazione-esperienze-ladridirisate.html

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato