Contenuto sponsorizzato

In "A ciambra" Pio crescerà in fretta

La rassegna Cinemart al Melotti di Rovereto continua domani, mertedì, con la proiezione del film dell'italo-americano Capignano che ha colpito Scorsese e lo ha portato a correre per l'Oscar, La Calabria, la comunità Rom, l'immigrazione e una storia di grande intensità

Pubblicato il - 05 febbraio 2018 - 10:05

ROVERETO. Prosegue all’Auditorium “Fausto Melotti” la programmazione di CINEMART, la rassegna promossa dal Centro Servizi Culturali S. Chiara e da Nuovo Cineforum Rovereto che ogni martedì invita il pubblico alla scoperta del cinema di qualità.

   Il prossimo appuntamento è in calendario domani,  martedì 6 febbraio, con la proiezione di «A CIAMBRA» del regista italo-americano Jonas Carpignano, il film amato da Martin Scorsese che a sorpresa ha rappresentato l’Italia nella corsa agli Oscar.

   A Ciambra è una piccola comunità Rom nei pressi di Gioia Tauro in Calabria. Qui Pio Amato cerca di crescere più in fretta possibile; a quattordici anni già beve, fuma ed è uno dei pochi in grado di integrarsi tra le varie realtà del luogo: gli italiani, gli immigrati africani e i membri della comunità Rom. Pio segue ovunque suo fratello Cosimo, imparando il necessario per sopravvivere sulle strade della sua città. Quando però Cosimo scompare le cose per Pio iniziano a mettersi male: dovrà provare di essere in grado di assumere il ruolo di suo fratello e decidere se è veramente pronto a diventare un uomo.

   Dopo il successo a Cannes e Toronto, «A CIAMBRA» è stato scelto per rappresentare l’Italia nella corsa agli Oscar. Nel film di Carpignano, Pio Amato interpreta se stesso ed è presente nel cast artistico anche Koudous Seihon, un immigrato già protagonista di un precedente lavoro del regista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato