Contenuto sponsorizzato

In "A ciambra" Pio crescerà in fretta

La rassegna Cinemart al Melotti di Rovereto continua domani, mertedì, con la proiezione del film dell'italo-americano Capignano che ha colpito Scorsese e lo ha portato a correre per l'Oscar, La Calabria, la comunità Rom, l'immigrazione e una storia di grande intensità

Pubblicato il - 05 febbraio 2018 - 10:05

ROVERETO. Prosegue all’Auditorium “Fausto Melotti” la programmazione di CINEMART, la rassegna promossa dal Centro Servizi Culturali S. Chiara e da Nuovo Cineforum Rovereto che ogni martedì invita il pubblico alla scoperta del cinema di qualità.

   Il prossimo appuntamento è in calendario domani,  martedì 6 febbraio, con la proiezione di «A CIAMBRA» del regista italo-americano Jonas Carpignano, il film amato da Martin Scorsese che a sorpresa ha rappresentato l’Italia nella corsa agli Oscar.

   A Ciambra è una piccola comunità Rom nei pressi di Gioia Tauro in Calabria. Qui Pio Amato cerca di crescere più in fretta possibile; a quattordici anni già beve, fuma ed è uno dei pochi in grado di integrarsi tra le varie realtà del luogo: gli italiani, gli immigrati africani e i membri della comunità Rom. Pio segue ovunque suo fratello Cosimo, imparando il necessario per sopravvivere sulle strade della sua città. Quando però Cosimo scompare le cose per Pio iniziano a mettersi male: dovrà provare di essere in grado di assumere il ruolo di suo fratello e decidere se è veramente pronto a diventare un uomo.

   Dopo il successo a Cannes e Toronto, «A CIAMBRA» è stato scelto per rappresentare l’Italia nella corsa agli Oscar. Nel film di Carpignano, Pio Amato interpreta se stesso ed è presente nel cast artistico anche Koudous Seihon, un immigrato già protagonista di un precedente lavoro del regista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato