Contenuto sponsorizzato

Le Tre Cime di Lavaredo vincono il concorso fotografico ''Obiettivo Terra''

La foto scattata da Stefano Miron ha battuto la concorrenza di quasi 1.500 foto provenienti da Italia. Ecco le altre 12 foto premiate con menzioni speciali

Pubblicato il - 26 aprile 2018 - 13:24

ROMA. Sono state le Tre Cime di Lavaredo a vincere il concorso fotografico ''Obiettivo Terra'' dedicato ai luoghi più belli d'Italia, ai parchi e alle aree marine protette. In gara 1494 foto di queste circa la metà erano state scattate da under 35, il 37% da donne e il 63% da uomini, 612 hanno riguardato parchi nazionali, 699 parchi regionali e 129 aree protette marine.

 

A vincere è stato Stefan Miron con le Tre Cime di Lavaredo. Il suo scatto gli è valso i mille euro in palio e la menzione dedicata al turismo sostenibile. Nell'immagine è ritratto un ragazzo seduto su un crinale di alta montagna, assorto nella contemplazione della spettacolare veduta di quello che è uno dei simboli più celebri delle Dolomiti.

Le 12 foto vincitrici a ''Obiettivo Terra''

La foto in formato gigantografia è esposta fino al primo maggio in Piazza Barberini a Roma, insieme alla foto di Mirko Ugo (realizzato nel parco nazionale dell'Arcipelago de La Maddalena), vincitrice della menzione speciale Fanpage.it.

 

I concorso è promosso dalla Fondazione UniVerde presieduta da Alfonso Pecoraro Scanio e oltre al primo premio, ha visto consegnare anche le targhe alle 12 foto vincitrici delle menzioni e menzioni speciali.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

19 febbraio - 17:56

Dopo il ''riserbo'' di Paccher sui nominativi esaminati dalla giunta per le elezioni, interrogazione del consigliere di Futura : ''L'attività del parlamento trentino e dei suoi organi dev'essere trasparente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato