Contenuto sponsorizzato

Lui, Lei e l'Altro, il triangolo della risata

Domani sera il teatro di Villazzano anticipa San Valentino con la spumeggiante proposta di "That's amore" nella sua stagione dedicata alla commedia all'italiana. Nella "commedia musicale da camera" suonano i temi del presente: precariato, nuove tecnologie e bisogno di sentimento per condire la vita. Anche di buon umore

Pubblicato il - 12 febbraio 2018 - 09:46

TRENTO. San Valentino. L’amore, compreso quello ispirato dalle carte dei cioccolatini che un tempo regalavano la cultura minimal di poeti, scrittori, filosofi e pensatori mentre oggi si affidano ai rapper o ai cantanti. L’amore che va in scena. Divertendo - tanto - senza vietarsi l’invito a far riflettere.

 

 Un bel modo di celebrare San Valentino in anticipo di un giorno lo offre il teatro di Villazzano che nella sua stagione di commedia leggera e allegra centra il titolo ad hoc. Domani sera, infatti, è l’ora di “That’s amore”, Teatro Giovane di nome e di fatto, (per come si chiama la compagnia in questione e per l’anagrafe dei protagonisti).

 

 Marco Cavallaro, Claudia Ferri e Marco Maria della Vecchia si mettono al servizio del regista Marco Cavallaro per dare vita ad una commedia spumeggiante. Più che degli equivoci è la commedia dell’equivoco. Al singolare che tuttavia sul campo diventa un equivoco plurale, anzi corale. Un errore provvidenziale ridona speranza in tempi precari. La storia? Un rapporto d’amore ancora tutto da inventare, inatteso e fresco,  nasce dove e quando meno te l’aspetti. Ovviamente prima disorienta e poi travolge. L’amore di That’s Amore insegna che tutto può accadere, senza mediazione e persino con la mediazione sbagliata, con tutto il carico di ottimismo che questa riflessione porta con sé.

 Una favola moderna non semplicemente su Lui e Lei, sull’amore insomma, ma sul precariato, sulle nuove tecnologie e sul bisogno di sentimento per affrontare e condire la vita. . Non si conoscono. Lui è lasciato dalla fidanzata, lei molla il fidanzato. Lui e Lei sono cacciati di casa. Lei e Lui affittano per uno strano scherzo del destino lo stesso appartamento. Lui e Lei sono costretti a passare un intero weekend insieme, ma Lei odia tutti i “Lui” e Lui odia tutte le “Lei”.

 

 I problemi arrivano quando fa capolino “L’altro”. Se vi gira la testa, figuratevi a loro! In una girandola di situazioni inverosimili eppure verissime, si srotola una divertente storia d’amore condita da dolci e romantiche canzoni.

 

 Lo spettacolo è stato definito come una commedia musicale “da camera”. Una camera che a Villazzano ha 244 posti. Posti che nei pochi mesi di vita del teatro di sobborgo sono diventati il punto di riferimento per un pubblico sempre più numeroso e sempre più fidelizzato alle proposte in prosa che hanno il giusto dosaggio tra popolarità e ricerca.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 13:00

Dopo le dimissioni di Paolo Ghezzi dal ruolo di consigliere provinciale, per Futura le acque continuano a essere piuttosto agitate. Al rifiuto delle richieste avanzate dai Verdi di affidare il compito di capogruppo in Provincia a Lucia Coppola e di riconoscere la presenza della forza ecologista nel simbolo, pronunciato in un incontro fra i vertici dei partiti, è seguita la rottura. La consigliera passerà al gruppo Misto. "Sono addolorata. I nostri obiettivi sono sovrapponibili, collaboreremo"

29 novembre - 12:30

Il drammatico incidente è avvenuto ieri sera, Valeria è morta sul corpo e un altro ragazzo di 22 anni si trova in gravissime condizioni. "Se non c’era il Covid, ieri, forse eri in palestra a fare la partita… e non ti sarebbe successo. Parole comunque poco utili ad affrontare l’accaduto. Una tragedia simile ad altre, che spezzano la vita di nostri giovani e lasciano ferite sempre aperte nel cuore di tutti"

29 novembre - 10:56

La vicenda è avvenuta in stazione a Rovereto, in un primo momento il 60enne ha riferito ai carabinieri di essersi procurato le ferite. Poi ha spiegato di aver mentito e di essere stato aggredito. Rintracciato il presunto aggressore, però, la vittima ha cambiato di nuovo versione oltre a non riconoscerlo


 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato