Contenuto sponsorizzato

Mortimer, Wanda e la psicanalisi da ridere

Domani sera a Pergine lo spettacolo con Marina Thovez e Mario Zucca. Un musicista e una psicologa navigano in un mare di sentimenti e di ironia. Una favola moderna che tritura tanti luoghi comuni in una guerra impari tra superiorità del genio e tattiche per stanarlo. Meglio essere cinici o ingenui?

 

 

Pubblicato il - 24 gennaio 2018 - 11:02

PERGINE. Arriva domani sera al teatro di Pergine – fuori abbonamento , “Mortimer e Wanda”, lo spettacolo che rafforza sodalizio artistico tra Marina Thovez e Mario Zucca. La  commedia è scritta e diretta da Marina Thovez protagonista, insieme al comico, (ma non solo) di un testo che appassiona per il suo alternarsi di dialoghi profondi a momenti sorprendentemente divertenti.

 

 Due personaggi eccentrici, un musicista e una psicologa, che nella loro fragilità rivelano una forte dose di umanità. La brillante coppia riveste i panni di Mortimer e Wanda tra sentimenti e ironia.

 

 Mortimer è un direttore d’orchestra di successo che abbandona improvvisamente tutto e va a vivere in un rudere di campagna. Questo isolamento inspiegato, unito alla personalità stravagante, gli guadagnano – non si sa se a torto o a ragione – la fama di pazzo. A riportarlo nella società dei “normali” arriva un giorno l’ingenua quanto brillante psicologa Wanda.

 Tra i due scoppia la guerra. Impari. Mortimer ha la superiorità del genio; ma Wanda escogiterà le tattiche più impensate per stanarlo.

«L’idea è nata leggendo la famosa lettera di Beethoven ai suoi fratelli – spiega Marina Thovez – in cui il gigante della musica rivela la sua sordità e piange la “perdita di un senso che possedeva perfetto al sommo grado, quale certo pochi musicisti hanno o hanno avuto”.

 

 Che succede al genio quando gli viene proibito di parlare? Si può impazzire. Da qui prende le mosse una storia originale, una favola moderna in cui si triturano i luoghi comuni della psicanalisi, del genio necessariamente eccentrico, in un continuo ribaltamento di ruoli con cui cerco di far luce sulla vita. E’ meglio essere cinici o ingenui? Se il distacco dalle cose regala sicuramente una superiorità morale e sugli altri, l’ingenuità è forse l’unica arma che abbiamo contro il pessimismo, è una fiamma vitale che con coraggio dobbiamo tenere accesa. Vestali della nostra fragile felicità».

 

 Wanda è una psicologa,  studiosa dallo spirito ingenuo, facilmente impressionabile, goffa e piena di nevrosi metropolitane. Wanda sembrerebbe la persona meno adatta alla grande missione che le è stata affidata; anche perché il suo avversario, da tutti creduti un pazzo, non ha intenzione di rivelare la misteriosa ragione del suo isolamento. 

È la guerra. Mortimer ha un arsenale più attrezzato: cinismo e narcisismo lo rendono invulnerabile; ha la superiorità del genio e la forza della disperazione di chi non ha più niente da perdere, perché ormai ha perso tutto. Wanda è ancora più disadattata del suo paziente, essendo sempre vissuta tra i libri. Non ha difese. Per lei non c’è strategia, ma spontaneità; per lei il nemico non esiste; per lei c’è solo un uomo – un malato? – comunque un gran bel malato, che sta sprecando la sua vita e questo Wanda non lo può sopportare. Alla fine, si scoprirà perché un uomo che incantava le folle ha rinunciato al successo?

Ecco come i protagonisti raccontano lo spettacolo

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 luglio - 13:11

L'assessore all'istruzione della Provincia di Trento si è distinto nelle ultime settimane per aver presenziato alle riaperture di tutte le scuole dell'infanzia possibili e immaginabili, con foto di lui in ogni posizione, e comunicati stampa al limite della propaganda. Il mondo della scuola resta tra quelli più trascurati dalla Giunta Fugatti e ancora non si hanno certezze circa le modalità di ritorno alle lezioni

09 luglio - 12:32

Dopo il lancio dell'iniziativa "Un fiume di idee", con cui il candidato per il centrosinistra alle Comunali di Trento ha chiesto dei pareri ai cittadini nell'impossibilità di avere incontri in presenza, sono stati presentati i risultati. Maggiori investimenti sulle piste ciclabili dedicate, attenzione alla socialità dei più piccoli e ripresa della attività culturali sono state indicate come le priorità. E sulla sicurezza: "Altri candidati giocano sulla paura, noi no. I cittadini sono maturi"

09 luglio - 13:07

Superata la tensione, per la capo pattuglia, madre di due bambini, c’è stato spazio per un momento di commozione, in particolare quando la piccola, felice anche per essere salita a bordo di un’auto della polizia, è stata riportata dal padre che ha ringraziato i soccorritori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato