Contenuto sponsorizzato

M.Other, la donna tra andata e ritorno

Va in scena domani sera, 28 aprile, a Meano lo spettacolo di Rifiuti Speciali diretto e interpretato da Manuela Fischietti assieme a Beatrice Uber e Ornela Marcon.  Si indaga sul senso di inadeguatezza nel duplice ruolo di figlia e di madre in tre modi diversi. Le ispirazioni? Da Anna Karenina a Belen Rodriguez

Pubblicato il - 27 aprile 2018 - 10:32

TRENTO. Si avvia a conclusione anche la stagione di teatro professionale a Meano. Domani sera - 28 aprile, alle 20.45 va in scena "M.Other", con Beatrice Uber, Ornela Marcon e Manuela Fischietti. Quest'ultima è anche la regista della proposta teatrale della compagnia Rifiuiti Speciali. Lo spettacolo è nato da una produzione di Trento Spettacoli in collaborazione con Pergine Spettacolo Aperto 2015.

 

 M.Other è uno spettacolo nato con il bisogno di dare seguito al primo spettacolo della compagnia Rifiuti Speciali – No Kids. Stato di gravidanza–, che affrontava il tema della gravidanza con l’intento di scardinarne i luoghi comuni. Il centro della loro analisi è sempre la donna. I temi che indagano riguardano in particolare la sfera delle scelte/non scelte che rappresentano le molteplici sfaccettature della vita.

 

 Con No Kids hanno indagato il senso di inadeguatezza rispetto al divenire madre. Con M.Other vogliono invece indagare il senso di inadeguatezza rispetto ad un duplice ruolo interpretato dalla donna, quello prima di figlia e poi, ipoteticamente, di madre. Questo il prima e il dopo del loro lavoro, dove la scelta possibile della maternità è indissolubilmente legata alla non-scelta dell’essere innanzitutto figlia. Si muovono tra passato e futuro esplorando un legame esclusivo quanto complicato, molteplice quanto profondo, come quello con la propria madre.

 

 Una relazione che rappresenta la storia delle attrici ma anche il loro modo di dedicarsi alla cura di un nuovo legame, qualunque esso sia: un figlio, una passione, il lavoro, un’amicizia. M.Other parte dalla donna e su di essa torna. Senza mai perderla di vista. La osserva nel suo diventare madre, nel suo rinunciare ad essere ancora figlia, nel  suo perdersi nel rimanere donna, nel suo fondersi nel rapporto materno.

 

 M.Other sono tre modi diversi di essere figlie e madri. Ma tre modi vicini di essere donne. La compagnia ha analizzato testi, iconografie, opere classiche e moderne, ma anche madri e figlie di tutti i giorni, con l’intento di analizzare in che modo le donne siano state rappresentate nel loro ruolo di madri, e come queste rappresentazioni abbiano condizionato i molteplici modi di essere madre oggi. Medea, Anna Karenina, Madame Bovary, Maria, Eva, la matrigna di Cenerentola, mia madre, tua madre, Belen Rodriguez: ecco tutte le loro ispirazioni.

 Tre donne sono le loro voci. Ogni giorno, nella ritualità dell’incontro, la riaffermazione  della loro identità. Da cercare in casa, su una panchina, non importa. Da cercare comunque. Altrove.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato