Contenuto sponsorizzato

All'Orrido di Ponte Alto arriva la visita teatralizzata: audio binaurale e proiezioni in 3d su roccia e acqua

Il particolare spettacolo, portato in scena dalla compagnia teatrale La Burrasca, andrà in scena sabato 30 novembre. Maria Vittoria Barrella: "E' molto stimolante uscire dalla scatola nera del teatro e riconnettere le persone ai luoghi"

Di Arianna Viesi - 23 novembre 2019 - 19:53

COGNOLA. Sabato 30 novembre, all'orrido di Ponte Alto, andrà in scena"Racconto dall'orrido", una visita teatralizzata della forra in audio binaurale. 

 

Saranno tre le repliche ospitate dall'orrido (alle 18.00, alle 19.00 e alle 20.00) che, per l'occasione, si trasformerà in una porta spazio-temporale. Una misteriosa voce guiderà gli spettatori in un mondo desolato e pericoloso "per raccontare di uomini e di mostri, che ci somigliano un po'". Prenotazione obbligatoria entro giovedì 28 novembre alle ore 18.00 scrivendo a info@ecoargentario.it

 


 

A calcare questo speciale palco, la compagnia teatrale La Burrasca che, da un anno, sta portando avanti un progetto in collaborazione con l'Ecomuseo Argentario per una nuova esperienza, e fruizione, del territorio attraverso visite teatralizzate. L'esperienza sarà resa magica (anche) da una nuova tecnica di registrazione audio in 3d, detta binaurale: un tipo di registrazione del suono che permette di ottimizzarlo per l'ascolto in cuffia, riproducendo (quanto più fedelmente possibile) le percezioni acustiche dell'ascoltatore situato nell'ambiente originario di ripresa del suono. A impreziosire la visita, proiezioni in 3d su roccia e acqua.

 

"Lo spazio verrà allestito come fosse un ecomuseo del futuro", spiega Maria Vittoria Barrella della compagnia teatrale. "Alcuni personaggi sono ispirati a leggende locali, altri sono legati all'immaginario moderno". La drammaturgia è firmata dal fratello di Maria Vittoria, Renato Barrella, mentre di Maria Vittoria Barrella sarà la voce narrante. Ad accompagnarla ci sarà Stefano Pietro Detassis. "Le scenografie - continua Maria Vittoria Barrella - sono state allestite da Matteo Bonetto che si è servito di elementi naturali".

 

Non è la prima volta che la compagnia La Burrasca porta in scena visite guidate teatralizzate. "Abbiamo lavorato, la scorsa estate, anche alle Cave di Pila. L'8 settembre l'Orrido, invece, ha ospitato l'evento 'Chiamata alle arti', dove diversi artisti locali hanno cercato di far rivivere, a modo loro, lo spazio: musicisti, attori, performers. Durante questi eventi, l'affluenza è sempre stata molto alta".

 

Quella della compagnia La Burrasca è una cifra stilistica, e poetica, ben precisa. Un modo (speciale) per vivere, e far vivere il territorio, facendone esperienza collettiva. 

"E' molto stimolante - spiega Maria Vittoria Barrella - uscire dalla scatola nera del teatro. Quello che ci preme è far diventare il pubblico parte integrante dello spettacolo. Anche lo spazio che ci circonda, quando portiamo in scena la nostra arte, deve diventare un attore. Quello che facciamo, insomma, è cercare di far vivere, al nostro pubblico, lo spazio in maniera emotiva".

 

E, tutto questo, è legato ad un concetto di bellezza nobile, e schietta. "E' importante riconnettere le persone ad un luogo. E recitare in uno spazio di per sé vivo non può far altro che favorirlo. Un dovuto ringraziamento va all'Ecomuseo dell'Argentario e, in particolare, a Lara Casagrande, per la fiducia che ci hanno accordato".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 05:01

I vertici delle Stelle alpine redigono un documento (all'interno in forma completa) per chiarire un futuro che guarda fino alle prossime provinciali. I paletti per un dialogo sembrano stringenti più per il carroccio che per gli ex alleati. "Differenziarsi dalle visioni dei partiti nazionali e in antitesi ai partiti centralisti, nazionalisti, anti europeisti e a quei leader nazionali che vedono nel Trentino una terra di conquista"

06 dicembre - 10:58

Gli impianti di videosorveglianza, pubblici e privati presenti in zona, hanno permesso di individuare l’autovettura dei due rapinatori. La donna faceva da "palo" mentre il marito bloccava le persone e le minacciava con un coltello 

06 dicembre - 10:17

E' successo nelle prime ore di questa mattina. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco i soccorsi sanitari con l'elicottero e il soccorso alpino. L'uomo ha riportato gravi ferite agli arti inferiori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato