Contenuto sponsorizzato

Il pupillo di Quentin Tarantino e il fratello di Julia Roberts in Trentino. Cast internazionale per il thriller di Carlo Fusco

"Dirty Fears", questo il titolo del nuovo lungometraggio di Carlo Fusco. Tra i protagonisti Michael Madsen (già interprete in Le Iene, Kill Bill e The Hateful Eight), Eric Roberts (candidato due volte ai Golden Globe e all'Oscar come miglior attore non protagonista), Ieva Lykos e Sokol Martini. Fusco: "È la mia prima volta in Trentino e mi sto trovando veramente bene. Ci tornerò sicuramente"

Di Arianna Viesi - 07 settembre 2019 - 22:11

PASSO DEL TONALE. Un uomo, affetto da problemi psichici, riesce ad evadere da un manicomio criminale e trova rifugio in un hotel di montagna. Per una serie di sfortunati equivoci, riesce a passare per il proprietario della pensione e a mettere in atto il suo piano perverso. Inizia così (non vi diamo, però, altre anticipazioni, niente spoiler) il nuovo film di Carlo Fusco, che ha scelto il passo del Tonale come location per il nuovo lungometraggio. "Dirty Fears", questo il titolo. Un thriller internazionale che vede impegnati attori italiani e hollywoodiani.

 

"Io e la parte tecnica della troupe - racconta Fusco - siamo già al passo del Tonale. Alloggiamo all'Hotel Cielo Blu, che farà da sfondo alle riprese e che ci ha accolto in maniera impeccabile. Lunedì mattina arriveranno gli altri e anche gli attori". Martedì il primo ciak. "Le riprese saranno effettuate principalmente all'interno, ma non mancheranno anche gli esterni, immortalati dai droni che proveranno a rendere giustizia ai paesaggi mozzafiato che ci circondano".

 

Un cast internazionale, dicevamo. Michael Madsen, innanzitutto. Statunitense, classe '57, Madsen è tra i prediletti di Tarantino. Ha recitato, tra gli altri, in Le Iene, Kill Bill e The Hateful Eight. Con lui ci sarà Eric Roberts, fratello maggiore di Julia, due volte candidato ai Golden Globe e una volta all'Oscar come attore non protagonista. Al loro fianco Ieva Lykos e Sokol Martini.

 

Ieva Lykos, madre rumena e padre d'origini greche, ha studiato recitazione a Milano e ha all'attivo numerose produzioni con attori internazionali. Martini, invece, di origini albanesi, è cresciuto e si è formato in Germania. Un cast internazionale, appunto. Per l'occasione, però, sono stati coinvolti anche alcuni ragazzi del posto che prenderanno parte al lungometraggio come comparse.

 

Carlo Fusco, regista e produttore, lavora soprattutto all'estero, Stati Uniti e Canada. L'ultima sua fatica è uscita con la Sony. "Dirty fears" esce dalla sua immaginazione (e dalla sua penna). Anche la location è stata fortemente voluta dal regista.

 

"È la prima volta che giro in Trentino - dice Fusco -. Siamo circondati da paesaggi stupendi, e ne siamo tutti entusiasti. L'aria è pulita e si mangia benissimo (ride, ndr)".  Quando gli viene chiesto per quale motivo abbiano scelto proprio questa location, risponde: "Per la posizione della struttura, soprattutto: gli ambienti sono ideali per il tipo di film che avevo in mente. Il Trentino, poi, presenta dei paesaggi incredibili che ben si adattano al thriller".  

 

Le riprese andranno avanti fino alla fine di settembre e, a febbraio 2020, "Dirty Fears" uscirà nelle sale (prima negli Stati Uniti e in Canada e, dopo pochi giorni, anche in Italia). "Ho un'altra storia nel cassetto che potrebbe essere ambientata qui - continua Fusco -. È la mia prima volta in Trentino e mi sto trovando veramente bene. Devo essere sincero: non me l'aspettavo così, non mi aspettavo questa accoglienza da parte della gente. E poi i paesaggi sono pura poesia. Vederli, per la prima volta, non filtrati da una fotografia, è stata un'esperienza unica. Tornerò, sicuramente". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 12:38

La donna è stata assistita dall’avvocato trentino Schuster: “Al di là della tutela della cliente, era importante porre fine a tesi isolate che pretendevano di applicare automatismi e ora la Cassazione ha fatto chiarezza. Ma la piena dignità delle persone trans è ancora un traguardo lontano”

17 febbraio - 21:35

L’area potrà essere edificata dopo decenni di stop. Motivato. I privati che vi investiranno cederanno una porzione di terreni al Comune. E per quanto riguarda le future costruzioni si realizzerà – in parte – una struttura di cohousing: alloggi privati corredati da spazi comuni destinati ad un uso collettivo

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato