Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dopo la lunga chiusura riapre il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

Dopo il lockdown riapre lo splendido Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme con tanta storia ma anche molte novità dedicate a Vaia. Si parte il 21 gennaio, per personale medico-sanitario delle Apsp della zona l’ingresso sarà gratuita

Di T.G. - 19 gennaio 2021 - 12:15

CAVALESE. Per musei e palazzi pubblici quelli della pandemia sono stati mesi difficili: fra i primi a chiudere e tra gli ultimi a poter riaprire. Questo è il caso del Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme che al suo interno custodisce un museo e la pinacoteca. “Dopo i lunghi mesi di chiusura imposti dalla pandemia Covid-19 – si legge nel comunicato – sarà possibile, nel pieno rispetto del Protocollo di sicurezza approvato in primavera, visitare le eleganti sale dello storico edificio cavalesano”.

 


 

La riapertura ufficiale è prevista per il 21 gennaio, tutti i giovedì (solo su prenotazione) dalle 15 alle 18 e i venerdì fino al 5 di aprile. Oltre all’esposizione permanente, incentrata sui quadri dei maestri della “Scuola pittorica di Fiemme”, i visitatori potranno apprezzare la mostra temporanea, allestita in estate, “I giorni dopo Vaia, attraverso le fotografie dei Vicini di Fiemme”. Non solo perché ci sarà da scoprire anche la nuova esposizione video-fotografica di Stefano d’Amadio “Vaia, la lunga notte”, un progetto inaugurato online lo scorso 4 dicembre.

 

Il biglietto d’ingresso al museo costa solo 5 euro, ma per tutti i “Vicini di Fiemme” è stata riservata la tariffa ridotta di 2 euro. Al prezzo di 1 euro in più, oltre al biglietto, si potrà poi acquistare un divertente “Kit famiglia” che permetterà a grandi e piccini di conoscere meglio l’arte, la storia e i segreti del Palazzo. Per il personale medico-sanitario delle Apsp Giovanelli (Tesero), Fassa (Sèn Jan), San Gaetano (Predazzo) e Griesfeld (Egna/Neumarkt) l’ingresso è gratuito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato