Contenuto sponsorizzato

Vademecum per "Tut Gardol en festa"

Dal pesce fritto al karaoke dal cous cous alla musica live ecco tutti gli eventi della tre giorni di Gardolo

Di Carmine Ragozzino - 09 September 2016 - 11:01

GARDOLO. In ogni – più di una decina - portico i colori delle associazioni. In ogni portico si magia, si beve e – con difficoltà – si ascolta. Dai canederli al pesce fritto, dagli strambe alla pizza. Eccetera. Nel palco centrale concerti, (domani il tributo ai Nomadi degli Atomika), oggi gli immancabili Rebel, domenica la banda locale). In ogni portico singoli, coppie, trio e altro a far da sottofondo “live”. Volendo, si può kara-ocare, (che non fa poi così male).

 

E “Tut Gardol” si va anche culturando. Fanno al caso un paio di mostre segnalabili e intrigabili: a Palazzo Pedrolli non solo tifo con i francobolli dei campionato di calcio dal 1986 ad oggi. Sempre lì anche la mostra dal titolo “La radio per il popolo”, sottotitolo “Il villaggio deve avere la radio” (?, ma curiosità). Poi la mostra storica sulla Colonia alpina di Gardolo, (nostalgia al galoppo) e quella sulle meduse nomadi presentata come interessante installazione che mescola discipline plastiche, arte in natura e illustrazione”.

 

Tra il tanto, due spunti di interesse privato, di chi scrive, in atto pubblico. Il Bar al volo a palazzo Crivelli gestito dalla coop La Rete con i disabili ed il portico multicolor delle etnie, (una cinquantina) che vivono a Gardolo. Perché un buon cous cous rende indigeste i piatti demagogici dei paladini dell’intollerenza verdi di bile e di ignoranza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 15:47

Guadagnini aveva 80 anni ed è stato lo storico direttore del Cfp Enaip di Primiero. Nominato nel 1967 ha ricoperto questo incarico per vent'anni apportando importanti innovazioni. Si è attivato per riconvertire i corsi di formazione secondo nuove esigenze e nuove prospettive economiche 

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato