Contenuto sponsorizzato

Il Teatro sociale di Trento ''inaugura'' un supermercato: un'installazione per sensibilizzare sul diritto di accesso ai beni culturali

L'installazione fruibile nella sua funzione potrà aprire al pubblico quando le norme dettate dai Dpcm riconosceranno il diritto di accesso ai beni culturali. Il progetto viene sostenuto dalla Fondazione Romaeuropa con il supporto di Coop Trentino, Metalsistem e Produttori agricoli trentini

Pubblicato il - 21 aprile 2021 - 16:29

TRENTO. Sono passati ormai più di cinque mesi da quando il Teatro sociale ha ospitato la sua ultima rappresentazione aperta al pubblico. Cinque mesi di chiusura forzata. Il governo è in fase di definizione del cronoprogamma per le riaperture graduali in questa fase dell'epidemia Covid, ma in questo periodo prolungato di incertezza e di vuoto, il Centro servizi culturali S. Chiara ha voluto però lanciare un segnale, ospitando all’interno del “Sociale” un’opera dell'artista Anna Scalfi Eghenter, che propone una nuova "misura temporanea" giustificata dal periodo emergenziale.

 

Dai primi giorni della pandemia il supermercato è stato il luogo dove poter soddisfare i propri bisogni essenziali, il luogo simbolo di una possibile continuità. Le misure di sicurezza, per più di un anno, hanno previsto la chiusura dei teatri vietando lo spettacolo dal vivo a scapito della fruizione culturale e del riconoscimento di un intero settore, di cui è stata decretata di fatto la non essenzialità.

 

Il progetto “Interim Measure” (Misura Temporanea) di Anna Scalfi Eghenter con il legal curator Fabio Bassan, consiste nell'installazione di un supermercato dentro gli spazi di uno storico teatro all'italiana, rispettando le medesime norme di sicurezza previste per gli esercizi commerciali durante una emergenza sanitaria, e adeguando il contesto artistico al dettato normativo formale. Le persone, non potendo entrare in un teatro come pubblico di una rappresentazione, entrerebbero come fruitori dell’opera proposta, per l'acquisto di beni riconosciuti essenziali.

 

Il perdurare dell'emergenza sanitaria e l’inasprirsi delle misure di sicurezza in questi mesi hanno impedito la possibilità di aprire un supermercato funzionante come opera dentro uno spazio culturale. La sospensione delle attività in presenza ha riguardato non solo la chiusura dei teatri per lo spettacolo dal vivo ma anche dei musei impedendo la visita a spazi ed esposizioni, pur garantendo le medesime misura di sicurezza richieste per la fruizione degli spazi commerciali.

 

Il supermercato è stato inaugurato martedì 20 aprile, per quanto – allo stato - ancora inaccessibile al pubblico, come strenua ipotesi di attivare una pratica dal vivo concessa dentro un teatro facendo appello alle arti e alla giurisprudenza; "Interim Measure" celebra la totale impossibilità di accedere agli spazi della cultura e di attivare la progettazione dell'intero settore culturale, indipendentemente dal servizio garantito in sicurezza.

 

Ma dentro un teatro non può aprire neanche un supermercato, l'installazione fruibile nella sua funzione potrà aprire al pubblico quando le norme dettate dai Dpcm riconosceranno il diritto di accesso ai beni culturali. Il progetto viene sostenuto dalla Fondazione Romaeuropa con il supporto di Coop TrentinoMetalsistem Produttori agricoli trentini

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 maggio - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 maggio - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato