Contenuto sponsorizzato

Itas approva i bilanci semestrali di Mutua e Vita, utile a oltre 10 milioni di euro

Un momento particolarmente brillante per il colosso trentino, che si è messo alle spalle anche le vicende giudiziarie e approva dei bilanci semestrali molto positivi. Deliberata l’istituzione della nuova gestione separata Formula Fondo, prima esperienza nel mercato italiano. Lorenz: "Il Gruppo è riuscito a dimostrare tutta la sua flessibilità"

Pubblicato il - 04 agosto 2018 - 16:20

TRENTO. Un utile aggregato intorno ai 10,2 milioni di euro (+66%), un utile netto raddoppiato a 6,6 milioni di euro, un utile della Mutua che si attesta a 1,5 milioni di euro, una raccolta premi danni a +12,2% e una raccolta netta vita a 194 milioni di euro e +108,5%. Questo il bilancio semestrale del Gruppo Itas. Un momento particolarmente brillante per il colosso trentino, che si è messo alle spalle anche le vicende giudiziarie (Qui articolo).

 

"Itas - commenta il presidente Fabrizio Lorenz - è riuscita a realizzare buoni risultati sia nel Vita che nei rami danni in un contesto finanziario e di mercato particolarmente difficile e complesso. Il Gruppo è riuscito a dimostrare tutta la sua flessibilità, ma anche le capacità professionali presenti in azienda. La nostra società ha intrapreso un percorso virtuoso sia sul piano organizzativo, del sistema dei controlli e del miglioramento delle performance tecniche. Sono sicuro che, grazie alla capacità delle nostre collaboratrici e dei nostri collaboratori, sapremo raggiungere questi obiettivi”.

 

Si parte da Itas Mutua e l'attività danni. Il risultato del semestre ha raggiunto 1,5 milioni di euro (2,3 milioni al lordo delle imposte), in calo di 500 mila euro rispetto a giugno 2017.

 

Il risultato risente dell’andamento del ramo Rca condizionato da un mercato caratterizzato da un premio medio non ancora adeguato. Sostanzialmente stabile la frequenza e il costo medio dei sinistri.

 

 

Appare sotto controllo anche l’andamento delle spese generali il cui ammontare, prima dell’attribuzione ai rami risulta stabile. I significativi investimenti legati alla riorganizzazione del Gruppo sono infatti stati finanziati da una corrispondente riduzione dei costi.

 

Ottimo l’andamento della raccolta premi che registra un +12,2%: un bilancio che si deve in particolare al lavoro delle nuove agenzie entrate nel network Itas nel 2017.

 

In forte crescita gli utili finanziari su quali hanno inciso le plusvalenze realizzate nel mese di gennaio nel quadro della politica di derisking deliberata nel mese di settembre dello scorso anno finalizzata ad allineare la duration degli attivi a quello delle riserve ed a ridurre la volatilità del solvency contenendo inoltre gli effetti negativi sulla solvibilità derivanti dall’attuale andamento dello spread.

 

L’ottimo andamento del Vita è stato caratterizzato da un incremento del risultato operativo del 38,4%, si passa da 10,4 milioni di euro a 14,4 milioni di euro tra aumento del margine tecnico, un incremento del margine finanziario e spese di gestione solo in leggero aumento nonostante la significativa crescita della produzione che ha raggiunto i 260 milioni di euro (+70,3%).

 

La raccolta netta (premi meno le uscite per prestazioni agli assicurati) passa da 93 milioni di euro a 194 milioni di euro spinta principalmente dalla produzione delle reti bancarie del Gruppo Cassa Centrale. La nuova produzione Vita è stata caratterizzata da prodotti a basso assorbimento di capitale.

 

Nel corso del Consiglio di amministrazione inoltre è stata deliberata l’istituzione della nuova gestione separata, Formula Fondo, prima esperienza nel mercato italiano di una gestione separata con fondo utili la cui regolamentazione è stata di recente approvata dall’Ivass.

 

L'intenzione di Itas è quella di lanciare un prodotto a basso livello di rischio, ma con aspettative di redditività stabile mediamente superiore alle altre gestioni separate presenti sul mercato.

 

I Consigli di amministrazione di Itas Mutua e Itas Vita hanno infine approvato i rispettivi nuovi assetti organizzativi in linea con la best practice del mercato e che valorizzano le competenze del management del Gruppo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato