Contenuto sponsorizzato

Fusione tra Cassa rurale di Trento e Lavis. I territori contrari alla mega banca: ''Il rischio è quello di diventare periferia e di perdere il legame con le comunità''

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Di Luca Andreazza - 13 novembre 2019 - 12:44

TRENTO. Una fusione che non s'avrebbe da fare quella tra la Cassa rurale di Trento e Lavis-Mezzocorona-valle di Cembra. A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. 

 

"La preoccupazione - spiega Santuari - nasce dal fatto che una banca di queste dimensioni non riesca più a fare da Cassa rurale, compreso l'impegno a rappresentare le vere istanze del territorio, dei suoi cittadini e delle imprese. Dopo la precedente fusione di appena 2 anni fa, l'istituto di credito ha raggiunto un formato considerato adeguato da Bce e Banca d'Italia in termini di patrimonio e qualità degli attivi".

 

L'avvento della capogruppo Cassa centrale banca, alla quale aderiscono 17 Casse rurali trentine e altri 63 istituti del Credito cooperativo sparsi per l'Italia, dà sicurezza, solidità e futuro a tutte le realtà del gruppo. "In Trentino - prosegue il presidente della Comunità della valle di Cembra - negli ultimi anni abbiamo fatto un gran lavoro e le 17 casse rappresentano, magari non in maniera uniforme, le diverse vallate del nostro territorio".

 

I territori avrebbero, in questo caso, altri piani. "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana - aggiunge il presidente - per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità, che hanno radici comuni ma che spesso in passato hanno avuto incapacità nel fare sistema e stare assieme".

 

La fusione dovrebbe scattare a partire dal prossimo 1 gennaio 2020. La nuova Cassa rurale dovrebbe poter disporre di oltre 5 miliardi di euro di risorse amministrate, ma il progetto prevede una cinquantina di esuberi a fronte degli attuali 389 dipendenti attuali: tutti dovrebbero uscire gradualmente verso la pensione con il sostegno del Fondo occupazione trentino.

 

Nel complesso la Rurale avrebbe oltre 25 mila soci, 18.500 a Trento e 6.700 a Lavis. La raccolta di risparmio complessiva ammonterebbe a oltre 3,5 miliardi, 2 miliardi e 600 milioni da Trento e 967 milioni da Lavis. I crediti totali si attesterebbero a 1,6 miliardi (circa 978 milioni nel capoluogo e 638 in Rotaliana), mentre il patrimonio andrebbe a quota 221 milioni (tra i 158 di Trento e i 63 di Lavis).

 

I dipendenti attuali sono 279 nella Cassa rurale di Trento, che comprende anche Aldeno, Garniga e gli altri Comuni che orbitano sul capoluogo, e 110 nell'istituto di Lavis-Mezzocorona-valle di Cembra. "Il timore di questa ennesima fusione - conclude Simoni - è quello di diventare periferia anche in questo settore e di perdere il forte legame con il territorio, fatto della conoscenza profonda con il mondo del volontariato, dell’associazionismo, delle imprese e dei sui cittadini, che poi è forse il motivo più grande che ha spinto a creare una banca fondata anche sui soci e non solo sui capitali. Questo andrebbe sempre ricordato".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni che non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite. Il tutto mantenendo la compartecipazione a carico degli assistiti ai livelli attuali

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

07 agosto - 18:21

L'allerta è scattata in val di Fassa. La 14enne stava percorrendo la pista ciclabile a Moena, ma ha perso il controllo della bici nel tratto in discesa all'altezza della caserma della polizia. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato