Contenuto sponsorizzato

In attesa dello sblocca-cantieri Salini porta avanti Terzo valico, ponte di Genova e tunnel del Brennero

Sul versante alpino tra Italia e Austria, Salini – che qui è impegnata con altre tre imprese - ha invece completato il 70% degli scavi del lotto più meridionale della galleria di base del Brennero

Pubblicato il - 23 novembre 2019 - 09:31

TRENTO. Eppur si muove. Malgrado la difficile situazione dei grandi lavori in Italia, dove ancora si attendono i provvedimenti “sblocca-cantieri”, il gruppo Salini Impregilo continua a scavare per garantire l’avanzamento di alcune grandi infrastrutture destinate a rimodellare il sistema dei trasporti nel nostro Paese.

 

A metà novembre la società ha reso noto di aver raggiunto il 40% di avanzamento delle opere sotterranee per realizzare la nuova linea ad alta capacità Terzo valico dei Giovi tra Genova e Alessandria con il consorzio Cociv di cui è capofila. Tra diretti e indiretti, sono 5mila gli addetti impegnati in quest’opera che consentirà di raggiungere Milano dal capoluogo ligure in 50 minuti, quasi la metà di oggi.

 

A Genova intanto continuano a ritmo serrato i lavori per la costruzione del nuovo ponte sul fiume Polcevera, dove Salini è affiancata da Fincantieri, e per assicurare l’inaugurazione tra sei mesi di questo collegamento vitale per la città. Su un altro versante, quello alpino tra Italia e Austria, Salini – che qui è impegnata con altre tre imprese - ha invece completato il 70% degli scavi del lotto più meridionale della galleria di base del Brennero, elemento centrale del corridoio Scandinavo-Mediterraneo inserito dall’Unione europea tra i progetti della rete Ten-T (reti di trasporto transeuropee). La galleria, con i suoi 64 chilometri di lunghezza, sarà il collegamento ferroviario sotterraneo più lungo al mondo.

 

Un ventaglio di attività che procedono di pari passo con un’altra opera – industriale, ma anche finanziaria – non meno importante, Progetto Italia, che vede impegnata a fianco di Salini la Cassa Depositi e Prestiti e le tre maggiori banche italiane, Intesa Sanpaolo, Unicredit e Banco Bpm e che – dopo l’aggregazione di Astaldi – vuole costruire attorno a Salini un polo più ampio e di dimensioni tali da poter affrontare la competizione con i grandi operatori globali. Progetto Italia avrà anche effetti positivi sull’occupazione, creando nuove opportunità per i giovani, spesso costretti portare all’estero le ottime competenze che hanno acquisito nel nostro Paese.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 05:01

I vertici delle Stelle alpine redigono un documento (all'interno in forma completa) per chiarire un futuro che guarda fino alle prossime provinciali. I paletti per un dialogo sembrano stringenti più per il carroccio che per gli ex alleati. "Differenziarsi dalle visioni dei partiti nazionali e in antitesi ai partiti centralisti, nazionalisti, anti europeisti e a quei leader nazionali che vedono nel Trentino una terra di conquista"

06 dicembre - 10:17

E' successo nelle prime ore di questa mattina. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco i soccorsi sanitari con l'elicottero e il soccorso alpino. L'uomo ha riportato gravi ferite agli arti inferiori

06 dicembre - 09:03

E' successo questa notte, i vigili del fuoco hanno dovuto scavare con le mani e le vanghe per togliere la terra e i sassi e liberare il ferito 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato