Contenuto sponsorizzato

Marangoni Meccanica: con i nuovi soci locali si allarga il Cda, l’amministratore delegato sarà Riccardo Mastronardi

Dopo la ricapitalizzazione da 10 milioni del Gruppo Marangoni all’azienda specializzata nella progettazione di impianti per la produzione di pneumatici nuovi arrivano i nuovi soci di maggioranza di Finanziaria Trentina Spa e Alpenring Srl. Ora via al progetto per la ripartenza economica dello stabilimento

Di Tiziano Grottolo - 22 agosto 2019 - 18:07

ROVERETO. Sono passati due mesi da quando Marangoni Meccanica Spa è passata di mano, in seguito alla ricapitalizzazione da 10 milioni del Gruppo Marangoni, nel frattempo sono arrivati anche i nuovi soci locali: La Finanziaria Trentina, holding del territorio riconducibile all’imprenditoria locale, Alpenring, finanziaria altoatesina e Caran, società del ramo familiare Marangoni che ha sempre guidato la Meccanica.

 

“Sono stati due mesi intensi – ha affermato il Presidente Giorgio Marangoni – in cui i vari processi aziendali sono stati ripresi in toto e riportati a regime per soddisfare una serie di ordini provenienti dai big del pneumatico di ogni parte del mondo”.

 

I nuovi soci ed il nuovo Consiglio d’amministrazione, formato da Marangoni, Fedrizzi e Oberrauch, sono entrati da subito in azione per far ripartire l’azienda: in primis adempiendo agli impegni pregressi come ha sottolineato Philipp Oberrauch: “Riattivare i rapporti con banche e fornitori, rassicurare le maestranze circa la serietà del progetto industriale e ripartire velocemente senza perdere ulteriore tempo, perché i clienti sono primari e non possono attendere”.

 

“La Marangoni Meccanica Spa – prosegue il consigliere Massimo Fedrizzi, recentemente nominato amministratore delegato de La Finanziaria Trentina – ha un ciclo finanziario del tutto particolare, che non richiede grandi capitali ma che necessita di una continua assistenza da parte delle banche circa le fidejussioni da rilasciare a grandi multinazionali, a garanzia degli anticipi ricevuti e delle performance delle macchine vendute. Il vento sta cambiando e siamo riusciti a riattivare alcuni rapporti sia con banche di primario standing nazionale, sia con una banca altoatesina, ora attendiamo le altre”.

 

A soli 60 giorni dalla ricapitalizzazione, con l’ingresso nel Cda dei nuovi soci, il cerchio può dunque considerarsi chiuso: “Nel Cda sono entrate preziose competenze industriali locali e una figura terza, individuata dai soci e a cui è stata affidata la guida operativa e lo sviluppo dell’azienda, vista la sua esperienza internazionale”, ha affermato il Presidente Marangoni.

 

Il Cda di Marangoni Meccanica è pertanto cresciuto a 7 membri e si sono aggiunti Antonello Briosi, Presidente di Metalsistem, azienda leader nelle scaffalature industriali automatizzate, che esporta in tutto il mondo i suoi prodotti, Enzo Paoli, Presidente e AD di Karl Mayer Rotal, storica società della Rotaliana facente parte del Gruppo tedesco Kalr Mayer,  operativa nella costruzione di macchinari tessili (imbozzimatrici e Denim) e Giorgio Oss Papot, imprenditore della Vallagarina, che dopo aver venduto la propria azienda una decina di anni fa, mette ora a disposizione la sua esperienza in quella che è stata la sua prima esperienza lavorativa, la Marangoni Meccanica, ove era dipendente a inizio carriera.

 

Con il nuovo consiglio d’amministrazione è stato nominato anche il nuovo amministratore delegato individuato nella persona di Riccardo Mastronardi manager di comprovata esperienza che con un passato in McKinsey (società americana leader al mondo nella consulenza strategica) e molti anni passati in Cina a guidare lo stabilimento di Piaggio ha tutte le carte in regola per rilanciare definitivamente l’azienda.

 

“Sono onorato della fiducia che mi è stata dimostrata dai nuovi soci affidandomi la gestione di una azienda storica e gloriosa come Marangoni Meccanica SpA e sono estremamente fiducioso e orgoglioso di farne parte proprio ora all’avvio di questo nuovo corso” ha detto Mastronardi durante la sua prima uscita ufficiale.

 

 “Ho già avuto modo, in questi primi giorni, di toccare con mano, con mia grande soddisfazione, la passione, l’ossessione per la qualità dei nostri prodotti, l’attaccamento all’azienda e il livello eccellente di competenze delle persone che vi lavorano – ha concluso il nuovo Ad – sono convinto che la chiave del nostro successo sta appunto nella qualità delle nostre persone e nella nostra capacità di lavorare come una vera squadra dove l’obiettivo chiave per tutti è la soddisfazione dei nostri clienti e il successo dell’azienda”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 06:01

In Veneto c'è preoccupazione, ma si forniscono i dati e si punta sull'impegno a proseguire e rafforzare le iniziative di prevenzione a tutela del settore zootecnico e di corretta informazione alla popolazione con un approccio finalizzato ad assicurare un supporto diretto al singolo interessato, in stretto raccordo con la Regione del Veneto e le associazioni di categoria

17 settembre - 19:28

Elisa Filippi, renziana doc, oggi ha spiegato di non avere dichiarazioni da fare. Tra i possibili parlamentari pronti a seguire Renzi salta fuori anche il nome della senatrice Conzatti di Forza Italia. Intanto c'è attesa per l'appuntamento di giovedì a Trento con il vicepresidente alla Camera Ettore Rosato (pronto a seguire Renzi)  

17 settembre - 14:15

Dura interrogazione dell'ex assessore del Pd, il quale interviene sulla querelle della rinuncia di 1 milione di euro, anche di provenienza europea, da parte della Provincia a trazione Lega. Le risorse destinate per progetti di integrazione, ora piazza Dante dovrebbe restituire il 60% già anticipato dallo Stato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato